Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Strumentali, il limite del quinto

Gli strumenti, gli oggetti e i libri strumentali all’esercizio della professione, dell’arte o del mestiere del debitore – anche se costituito in forma societaria – possono essere pignorati nei limiti di un quinto. In questo caso, inoltre, la custodia è sempre affidata al debitore, il primo incanto non può avere luogo prima che siano decorsi 300 giorni dal pignoramento stesso e il pignoramento perde efficacia quando dalla sua esecuzione sono trascorsi 360 giorni senza che sia stato effettuato il primo incanto.
Queste sono le principali novità in materia di espropriazione mobiliare presso il debitore introdotte dal decreto “del fare”, con l’evidente obiettivo di salvaguardare per quanto possibile la continuità aziendale e, in ultima analisi, la possibilità per lo Stato di continuare a incassare le rate.
In buona sostanza è stato sostituito il comma 1 dell’articolo 62 del Dpr 602/1973 ed è stata prevista l’estensione delle limitazioni stabilite dal Codice di procedura civile alla pignorabilità dei beni strumentali utilizzati da imprenditori ditte individuali, anche in presenza di imprese che abbiano forma giuridica di società e nei casi di prevalenza del capitale sul lavoro. Non bisogna dimenticare, però, che questo può avvenire quando il presumibile valore di realizzo degli altri beni rinvenuti dall’ufficiale esattoriale o indicati dal debitore non appare sufficiente per la soddisfazione del credito.
Inoltre, nel caso di pignoramento dei beni appena indicati, la custodia è sempre affidata al debitore e il primo incanto non può aver luogo prima che siano decorsi 300 giorni dal pignoramento stesso. In questo caso, il pignoramento perde efficacia quando dalla sua esecuzione sono trascorsi 360 giorni senza che sia stato effettuato il primo incanto.
Partendo dal presupposto che il pignoramento di questi beni costituisce ipotesi residuale, bisogna allora capire quali beni potrebbero costituire oggetto di pignoramento. Ad esempio in questi anni la giurisprudenza di legittimità ha giudicato pignorabili la gru in relazione all’esercizio della professione di marmista e l’auto dell’avvocato.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai due estremi ci sono Generali e Unicredit: promossa a pieni voti la prima (almeno dagli investitor...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pace con Vivendi in Piazza Affari vale 35 milioni di capitalizzazione. Dopo una fiammata in avvio...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

er la prima volta da molti anni un rialzo dei tassi d’interesse si affaccia negli scenari della po...

Oggi sulla stampa