Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Stipendi degli italiani ai livelli del 2004

Un Paese spaccato a metà: al Nord si guadagna il doppio che al Sud. Ma soprattutto dove, per la prima volta negli ultimi 10 anni, la media nazionale degli stipendi nel 2014 è più bassa rispetto al 2004. L’allarme lo lancia l’Istat nel rapporto «Noi Italia» diffuso ieri che raccoglie un ricchissimo patrimonio di dati in 100 indicatori, sei macro aree e 19 settori: dall’economia alla cultura, dal mercato del lavoro all’ambiente.

Esaminando il quadro economico, secondo l’indagine, nel 2014 il Prodotto interno lordo pro capite nel Mezzogiorno (16.761 euro) è quasi la metà di quello del Nord Ovest (30.821), che non è molto superiore a quello del Nord Est (29.734 euro). I numeri sullo spaccato territoriale non vanno oltre il 2014, lasciando fuori il 2015, anno in cui, almeno a livello nazionale, il Pil è salito dello 0,8%. Altro dato a dir poco preoccupante è che diminuisce, anche se di pochissimo, per la prima volta dal 2004, la speranza di vita alla nascita: negli uomini il valore arretra dello 0,2% attestandosi a 80,1 anni, mentre per le donne la marcia indietro è dello 0,3% (84,7). Nel Mezzogiorno, però, si vive peggio che al Centro-Nord tanto che i valori della speranza di vita si confermano al di sotto della media nazionale. E nascono sempre meno bambini: continua infatti a diminuire il numero di figli per donna. Nel 2014 siamo a 1,37, mentre occorrerebbero circa 2,1 neonati per donna per garantire il ricambio generazionale. Da non sottovalutare poi che l’Italia, secondo l’Istat, rimane uno dei Paesi dell’Ue dove ci si sposa meno: nel 2014 solo 3,2 matrimoni ogni mille abitanti. E ovviamente gli anziani sono tantissimi: 157 cittadini over 65 ogni 100 giovani e 55,1 persone in età non lavorativa ogni 100 in età lavorativa, andamento in continua crescita negli ultimi anni. Inoltre tra il 2013 e il 2014 l’incidenza della povertà, relativa e assoluta, è risultata sostanzialmente stabile: la povertà relativa coinvolge circa un decimo delle famiglie residenti, quella assoluta il 5,7%.

Confortante dal punto di vista economico il fatto che nel 2015 la quota di cittadini soddisfatti per la propria situazione economica risulta in aumento (47,4%) per il secondo anno consecutivo. Migliorano anche gli stili di vita degli italiani: nel 2014 si riducono i consumatori di alcol a rischio (15,5%), i fumatori (19,5%) e gli obesi (10,2%). Buone notizie pure dal tasso di mortalità infantile che continua a diminuire: nel 2013 in Italia è di 2,9 per mille nati vivi, tra i più bassi dell’Ue. Tra le curiosità siamo uno dei Paesi più motorizzati d’Europa: nel 2014 quasi 610 auto ogni mille abitanti.

Francesco Di Frischia

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Anche Mediobanca si allinea al trend generale del credito e presenta risultati di tutto rilievo, bat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Gruppo Arvedi rivendica, oltre al completo risanamento di uno dei siti più inquinati d’Italia ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il premier Mario Draghi ha un’idea verde per la siderurgia italiana, che fa leva sui miliardi del ...

Oggi sulla stampa