Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sterlina ancora in discesa

La sterlina continua ad approfondire la discesa verticale iniziata lunedì, trattando sui minimi dal 1985 contro il dollaro a 1,2728 e da tre anni sull’euro a 0,879.

Gli investitori temono l’ipotesi Hard Brexit dopo le parole poco concilianti del premier britannico Theresa May. Si tratta di un’uscita netta del Regno Unito dall’Unione europea, senza alcuna richiesta di trattamento di favore per il comparto finanziario. Sembra che il tema sia diventato un nuovo catalizzatore del mercato e che, ha commentato un’analista giapponese, «stiano crescendo le aspettative sul fatto che il dolore del recesso britannico sarà enorme».

May ha fissato un tempo limite entro cui iniziare le trattative (marzo 2017) e ha illustrato le priorità in merito ai negoziati d’uscita, svelando l’intenzione di lasciare alle società britanniche la massima libertà di operare all’interno del mercato unico, a patto però che questo non significhi cedere sul diritto del Regno Unito di gestire l’immigrazione.

«Il mercato è preoccupato per la Brexit e per i danni che causerà all’Eurozona», ha affermato Edison Pun, trader valutario di Admis Hong Kong. Negli ultimi due giorni il sentiment del mercato è stato particolarmente negativo sulla sterlina e non c’è stata alcuna soluzione ottimale per ridurre il rischio del suo possesso in portafoglio. Il trader si aspetta una ripresa della valuta a breve, anche se potrebbe non esserci alcun supporto se prevalesse il panico.

Secondo gli analisti di Ing, invece, se l’ipotesi Hard Brexit dovesse diventare realtà, il declino della valuta d’Oltremanica potrebbe essere più marcato in direzione 1,20. Il cambio è quindi atteso a 1,25 entro fine anno, perché l’idea di un’uscita netta dalla Ue «sarebbe più di un rischio secondario» e porterebbe la sterlina al ribasso contro le altre principali valute.

Infine, gli esperti di Ubs mantengono invariata la loro visione post Brexit: a fine 2017 la divisa britannica tratterà a 1,20 contro il biglietto verde e raggiungerà la parità rispetto all’euro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non chiamatela più utility locale. Il gruppo A2a cerca il salto di categoria: da società dei servi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo la crisi, scatta la "riscrittura" del Recovery Plan da parte del Parlamento. Il documento di 16...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

A2A lancia il piano industriale al 2030 per riposizionare l’azienda, «passando dal mezzo al fine,...

Oggi sulla stampa