Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Start up, tappe semplificate per il Registro imprese

Il ministero dello Sviluppo economico, con la circolare n. 3672/C, del 29 agosto 2014, ha fornito importanti chiarimenti sugli adempimenti a cui le start up innovative o incubatori certificati devono sottostare per confermare e aggiornare le informazioni necessarie per mantenere l’iscrizione alla sezione speciale del registro delle imprese. Le precisazioni sono rilevanti considerando che tutte le agevolazioni di carattere fiscale, finanziario e societario, previste per le nuove realtà, sono strettamente subordinate all’iscrizione nella sezione speciale della Camera di commercio.
Le semplificazioni indicate consistono nel ridurre e uniformare gli adempimenti che le start up innovative o incubatori certificati devono effettuare per attestare aggiornamento e mantenimento delle condizioni che consentono l’iscrizione nella sezione speciale.
Infatti, oggi, è previsto che per ogni anno solare le nuove entità giuridiche devono comunicare, con cadenza non superiore a sei mesi, qualsiasi evento che abbia comportato la modifica degli elementi richiesti in sede di presentazione della domanda d’iscrizione alla sezione speciale del Registro; quindi la necessità di dare due comunicazioni annuali.
L’altra comunicazione, da rendere con autocertificazione del legale rappresentante e attestante la conservazione del possesso dei requisiti previsti per l’iscrizione nella sezione speciale, va presentata entro 30 giorni dall’approvazione del bilancio e comunque entro sei mesi dalla chiusura di ciascun esercizio.
Per semplificare gli adempimenti e, con particolare riferimento alla conferma del possesso dei requisiti, il provvedimento chiarisce che le scadenze per la trasmissione degli aggiornamenti successivi al primo, da comunicare al registro imprese, sono uniformate rispettivamente al 30 giugno e al 31 dicembre di ciascun anno; il secondo adempimento avrà scadenza al 30 giugno o al 31 dicembre successivo alla scadenza dall’anno d’iscrizione alla sezione speciale del Registro imprese. La prima comunicazione invece, dopo l’iscrizione, va fatta necessariamente entro sei mesi dall’iscrizione della società nella sezione speciale del Registro delle imprese. Cosi, ad esempio, se una start-up è stata iscritta alla sezione speciale il 15 maggio 2014, la prima comunicazione dovrà avvenire entro il 15 novembre 2014 e la seconda, scadente ordinariamente il 15 maggio 2015, sarà uniformata al 30 giungo 2015.
Interessante è il passaggio interpretativo con cui viene specificata la possibilità di trasmettere la dichiarazione semestrale, che scade nel semestre successivo al termine dell’esercizio sociale, con l’attestazione del mantenimento dei requisiti; in tal modo vengono ridotti a due i tre adempimenti attualmente previsti.
Pertanto, entro trenta giorni dalla data di approvazione del bilancio potranno essere depositate, sia le comunicazione attinenti all’aggiornamento delle informazioni, sia l’autocertificazione del mantenimento dei requisiti previsti dalla legge per le start up innovative o incubatori certificati. La perentorietà del 30 giugno rimane comunque per entrambe le comunicazioni. Il deposito congiunto è previsto anche nell’ipotesi di mancata approvazione del bilancio di esercizio nei termini di legge, purché sia rispettata la data del 30 giugno.
Le istruzioni fornite valgono anche per le società con esercizio non coincidente con l’anno solare, fermo restando il rispetto degli obblighi di legge e la periodicità dell’informazione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa