Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Start up, corsa al registro in Cdc

Star up innovative alle prese con l’iscrizione nella sezione speciale del Registro imprese entro il 17 febbraio. Una nuova guida cartacea di Infocamere rubricata «star up – guida all’iscrizione per l’ufficio del registro imprese» contiene un interessante percorso per le società già costituite (prima del 19 dicembre 2012) su come iscriversi (entro il 17 febbraio 2013) nella sezione speciale, quali le informazioni da fornire e la modulistica da compilare. In attesa della costituzione dell’apposita sezione speciale nel registro Imprese e dell’emanazione da parte del Ministero dello sviluppo economico delle specifiche tecniche per la predisposizione della domanda, per consentire comunque all’impresa l’iscrizione come start up innovativa è stata predisposta una modalità temporanea basata sulla modulistica attualmente in vigore. Quindi, nel periodo transitorio, l’impresa può richiedere l’iscrizione come startup innovativa utilizzando il modello informatico «S5» e indicando le informazioni richieste nel riquadro dell’attività prevalente dell’impresa. Di conseguenza, all’interno del modello S5, l’impresa dovrebbe inserire nello spazio dedicato all’attività prevalente una dicitura che permetta di identificarne la natura di startup innovativa e, di seguito, dovrebbe riportare tutte le caratteristiche che la qualificano come tale. A questa comunicazione, che rappresenta una variazione ai dati iscritti nel registro Imprese, dovrebbe essere allegata l’autodichiarazione che attesta il possesso dei requisiti di startup innovativa firmata digitalmente e identificata con codice tipo documento «99 altro documento» e descrizione «autocertificazione startup innovativa». Per registrare l’impresa come start up innovativa il funzionario camerale deve però utilizzare il nuovo codice 027 «start up: iscrizione alla sezione speciale Ri» del riquadro 20 del modello S2, disponibile in copernico dal 7 gennaio 2013. Dal 7 gennaio, per procedere con l’iscrizione della startup è necessario quindi che il funzionario provveda a:

– modificare il protocollo aggiungendo il riquadro 20 / atti e fatti soggetti a deposito del modello S2. La ricevuta del protocollo per l’utente riporterà la modifica «elenco dei modelli presentati»: C1 Comunicazione unica presentata ai fini R.I.; S5 Riq D1 attività prevalente esercitata dall’impresa con SS. e UL; S2 Riq 20 altre modifiche statutarie atti e fatti soggetti a deposito.

– successivamente, tramite copernico, inserire nei «dati legali (S2) 20 / atti e fatti soggetti a deposito» il nuovo codice 027 «startup: iscrizione alla sezione speciale Ri» con l’eventuale informazione testuale di dettaglio. Al fine di favorire questa iscrizione, In favore della start-up innovativa sono state previste dalla legge 17 dicembre 2012 n. 221 una serie di esenzioni ai fini della costituzione ed iscrizione dell’impresa nel registro delle Imprese, agevolazioni fiscali, nonché deroghe al diritto societario e una disciplina particolare nei rapporti di lavoro nell’impresa.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un passetto alla volta. Niente di clamoroso, ma abbastanza per arrivare all’11% tondo, dopo una se...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non sempre il vino corrisponde al giudizio del venditore. Ma le cifre che giovedì Mediobanca — co...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Rush finale e già scontro sui nomi dei manager che dovranno guidare il Recovery plan e sui progetti...

Oggi sulla stampa