Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Start up e Pmi innovative, sbloccato il bonus fiscale del 50%

Dopo una storia a dir poco travagliata, il decreto con i super incentivi fiscali per chi investe in startup si avvicina al traguardo. Il provvedimento, in una bozza che Il Sole 24 Ore ha visionato, è all’esame della Corte dei Conti, ultimo passaggio prima della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Si tratta del decreto dello Sviluppo economico di concerto con l’Economia che attuerà la norma inserita nel decreto Rilancio dello scorso maggio: detrazioni fiscali del 50% a favore delle persone fisiche che investono in startup e Pmi innovative, nei limiti del regolamento europeo «de minimis» sugli aiuti di Stato.

Proprio l’inserimento del riferimento al de minimis ha consentito di sbloccare una misura che era stata già lanciata nella legge di bilancio 2019 come maggiorazione rispetto alle agevolazioni fiscali previste dal decreto 178/2012 rispetto alle quali il nuovo incentivo rappresenta un’alternativa. Ma nel caso della legge di bilancio 2019, l’autorizzazione della Commissione europea in materia di aiuti di Stato non fu mai ottenuta. Ora si prova dunque a rilanciare l’intervento, con opportuni correttivi. Si limita l’agevolazione alle persone fisiche mentre la vecchia versione includeva anche le società di capitali. Se l’investimento è diretto a una o più startup innovative, scatta un tetto di 100mila euro in ciascun periodo d’imposta. Se invece l’impresa o le imprese target sono Pmi innovative, il tetto è di 300mila euro. Tutto come detto, però, sempre entro i limiti del regime de minimis quindi fino ad un ammontare massimo di aiuti concessi ad una medesima startup o Pmi innovativa non superiore a 200mila euro nell’arco di tre esercizi finanziari.

L’investimento, che può essere effettuato direttamente nel capitale sociale o anche indirettamente attraverso fondi comuni (Oicr) che investono prevalentemente in startup o Pmi innovative, deve essere mantenuto per almeno 3 anni. Saranno ammessi come conferimenti in denaro anche la compensazione dei crediti in sede di sottoscrizione di aumenti del capitale.

Nel caso di investimenti in Pmi innovative, se si supera la soglia dei 300mila euro, valida per la detrazione del 50%, sulla parte eccedente l’investitore in ciascun periodo d’imposta può detrarre il 30%.

Il decreto in questione fa parte di una terna di provvedimenti previsti dal decreto Rilancio e seguiti in modo particolare al ministero dello Sviluppo dal sottosegretario Gian Paolo Manzella (Pd). A dicembre era stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo dell’agevolazione Smart Money, 9,5 milioni di contributi a fondo perduto per le startup che acquistano servizi prestati da parte di incubatori, acceleratori, innovation hub, business angels. Prima ancora, a novembre, era stata la volta del decreto ministeriale che ha sbloccato ulteriori 200 milioni destinati al venture capital sotto la gestione del Fondo nazionale innovazione della Cassa depositi e prestiti. «Sono tre decreti in stretta relazione tra loro – dice Manzella -. Ci si occupa di sostenere le startup in questo passaggio così difficile; di dare forza ad incubatori ed acceleratori, veri e propri pivot del sistema startup; di sgravi fiscali per portare le risorse private ad investire nelle nuove imprese tecnologiche». Secondo il sottosegretario del Mise, le misure per le startup rivestono un ruolo centrale «in una Europa che parla di “ecosistemi industriali” e in un Next Generation che ha al cuore uno sviluppo basato su trasferimento tecnologico e innovazione».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa