Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Start-up in corsia preferenziale

Contributi a fondo perduto ed esenzioni fiscali. Sono queste le principali opportunità offerte alle start-up innovative dalle regioni italiane che riconoscono in queste particolari tipologie di società uno strumento strategico per lo sviluppo del territorio e per la crescita occupazionale.

Da quanto è possibile desumere dai bandi pubblicati da alcune amministrazioni regionali fino a fine anno, e a seconda dei casi, le start-up in possesso di determinati requisiti potranno inoltrare le domande per accedere ai cospicui fondi messi a disposizione.

I contributi a fondo perduto dell’Umbria. Con una dote di 2 milioni di euro la regione Umbria intende sostenere la creazione di start-up innovative ad alta intensità di applicazione di conoscenza e le iniziative di spin-off della ricerca ai fini della valorizzazione economica dei risultati dello sviluppo di nuovi prodotti, processi e servizi ad alto contenuto innovativo. Non da ultimo l’obiettivo della regione è attivare le potenzialità locali facendo leva su asset regionali, talenti, attraverso l’accesso ai risultati della ricerca e la promozione della nuova imprenditorialità.

Società di capitali (comprese le srl unipersonali, le srl semplificate e le imprese cooperative) devono essere configurate in una delle seguenti tipologie:

– start-up ad alto contenuto tecnologico;

– spin-off aziendali, ovvero una nuova unità economica costituita da alcuni soggetti che provengono da un’impresa esistente, che si distingue per il grado di innovatività;

– spin-off accademici a elevate competenze scientifiche.

Per essere ammissibili i progetti dovranno essere in possesso dei requisiti della innovatività, della validità tecnico-economica progetto e dell’equilibrio finanziario e presentati entro il 30 dicembre 2016.

Il contributo a fondo perduto è concedibile fino al 40% della spesa ritenuta ammissibile, il cui ammontare complessivo non può essere inferiore a 30 mila e né superiore a 500 mila, che comprende dalle spese di costituzione alla locazione dei laboratori, dai macchinari e attrezzature all’acquisto di brevetti, dalle consulenze esterne al costo del personale dipendente sostenuto direttamente dall’azienda beneficiaria per lo sviluppo sperimentale di un brevetto e/o un prototipo.

I 6 milioni di euro stanziati dal Veneto. Concedendo contributi alle start-up innovative, la regione Veneto punta ad aumentare la competitività del sistema produttivo locale attraverso lo sviluppo di nuova cultura imprenditoriale.

La dotazione finanziaria complessiva è di 5 milioni di euro (4 milioni per la creazione e un milione per il consolidamento delle start-up). Le agevolazioni sono dirette alle pmi venete e per le start-up già avviate possono partecipare anche spin off della ricerca.

I progetti di creazione di start-up innovative che, per la loro attività usufruiscono dei servizi offerti da un incubatore presente sul territorio della regione, devono prevedere lo sviluppo di attività imprenditoriali e di incubazione, negli ambiti di specializzazione a forte contenuto innovativo, in particolare Ict, high tech, nonché a forte contenuto creativo, proponendo progettualità basate sulla ricerca e innovazione in grado di indirizzare la trasformazione del settore manifatturiero verso nuovi sistemi di prodotto, processi/tecnologie, sistemi produttivi o lo sviluppo di nuovi modelli di business, organizzativi, di gestione finanziaria e di processi di commercializzazione dei risultati della r&s.

Le spese ammissibili possono riguardare investimenti, spazi di lavoro, strumenti e attrezzature, consulenze e servizi esterni, spese di costituzione (in generale le spese devono essere comprese tra un minimo di 5 mila euro e un massimo di 30 mila euro). L’agevolazione, nella forma di contributo in conto capitale, è pari all’80% della spesa rendicontata ammissibile per la realizzazione del progetto. Per quanto riguarda la sezione relativa al consolidamento di start-up già avviate sono ammissibili le spese comprese tra un minimo di 20 mila euro e un massimo di 200 mila euro. L’agevolazione, nella forma di contributo in conto capitale, è pari al 60% della spesa ammissibile per la realizzazione del progetto. Per entrambe le sezioni la domanda va presentata entro il 27 ottobre 2016.

L’esenzione fiscale del Lazio. Le start-up innovative che abbiano almeno una sede operativa nel Lazio e abbiano effettuato versamenti Irap per i primi due esercizi fiscali senza aver già ottenuto da altre amministrazioni la restituzione delle somme, potranno ottenere il rimborso, totale o parziale, dell’Irap dei primi due esercizi fiscali (la richiesta può riguardare anche un solo esercizio). L’obiettivo dell’amministrazione laziale è quello di favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico, la nuova imprenditorialità e l’occupazione, in particolare giovanile, sul proprio territorio.

Le risorse stanziate per il 2016, pari a un milione di euro, saranno utilizzate per concedere contributi a fondo perduto in misura massima pari all’entità degli oneri di natura fiscale, relativi all’Irap, sostenuti come start-up innovativa nei primi due esercizi fiscali.

Per ottenere il contributo le start-up devono risultare iscritte nella apposita sezione speciale del registro delle imprese tenuto dalle Cciaa competenti e avere almeno una sede operativa nel Lazio. Inoltre non devono aver commesso violazioni, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse, secondo la legislazione vigente. Le richieste di contributo devono essere presentate dal 1° al 15 settembre 2016.

Le strategie di avvio ed espansione dell’Emilia-Romagna. Anche per la regione Emilia Romagna l’avvio e il consolidamento di start-up innovative ad alta intensità di conoscenza rappresenta un obiettivo strategico per lo sviluppo del territorio. Con una dotazione finanziaria di 6.028.065 euro, gli incentivi concessi dalla regione mirano a favorire la nascita e la crescita di start-up in grado di generare nuove nicchie di mercato attraverso nuovi prodotti, servizi e sistemi di produzione a elevato contenuto innovativo, nonché a generare opportunità occupazionali. Il contributo è rivolto alla valorizzazione economica dei risultati della ricerca e non al finanziamento della ricerca stessa.

Le agevolazioni sono riservate alle piccole e micro imprese, regolarmente costituite come società di capitali (incluse srl, uninominali, consorzi, società consortili, cooperative), dei settori agroalimentare, edilizia e costruzioni, meccatronica e motoristica, industria della salute e del benessere, industrie culturali e creative, innovazione nei servizi. Per i progetti di avvio di attività (tipologia A) possono presentare domanda le imprese costituite successivamente al 1° gennaio 2013. Per i progetti di espansione di start-up già avviate (tipologia B) possono presentare domanda le imprese costituite dopo il 1° marzo 2011.

Per gli interventi di tipologia A sono ammessi costi riguardanti macchinari, hardware e software, affitto e noleggio laboratori e attrezzature scientifiche, brevetti e licenze e/o software da fonti esterne, spese di costituzione, spese promozionali e consulenze esterne specialistiche non relative all’ordinaria amministrazione.

Per gli interventi di tipologia B sono ammessi costi riguardanti l’acquisizione di sedi produttive, logistiche, commerciali, macchinari, attrezzature, hardware e software, spese di affitto e noleggio laboratori e attrezzature scientifiche, brevetti e licenze, spese promozionali e consulenze esterne specialistiche non relative all’ordinaria amministrazione.

Per i progetti imprenditoriali il bando indica i costi minimi da sostenere per ottenere le agevolazioni, articolati per tipologia di progetto:

– sviluppo produttivo di risultati di ricerca o sviluppi tecnologici: 80 mila euro per la tipologia A (avvio); 150 mila euro per la tipologia B (espansione);

– applicazioni digitali avanzate nelle industrie culturali e creative, nell’innovazione sociale, nei servizi ad alta intensità di conoscenza: 50 mila euro per la tipologia A (avvio); 80 mila euro per la tipologia B (espansione).

L’agevolazione consiste in un contributo in conto capitale, corrispondente al 60% della spesa ritenuta ammissibile. È prevista una maggiorazione del contributo del 10% per i progetti che prevedono alla loro conclusione un incremento di dipendenti assunti a tempo indeterminato (con contratti a tempo pieno o a tempo parziale per almeno l’80% del tempo) rispetto a quelle in organico al momento della presentazione della domanda, pari a:

– almeno 2 unità, per la tipologia A;

– almeno 3 unità, per la tipologia B.

Il contributo concedibile non potrà, in ogni caso, superare gli importi di seguito indicati:

– 100 mila euro per la tipologia A;

– 250 mila euro per la tipologia B.

Le domande possono essere presentate fino alle ore 17 del 30 settembre 2016 esclusivamente online, tramite l’applicativo disponibile sul sito della Regione Emilia-Romagna.

Bruno Pagamici

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

TORINO — La produzione della 500 elettrica ferma i contratti di solidarietà nel polo torinese, tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non deve essere imputata la società unipersonale. Non sulla base del decreto 231. In questo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora al palo la corsa agli aumenti di capitale agevolati dall’articolo 26 del Dl 34/2020...

Oggi sulla stampa