Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Srl, focus su costituzione e capitale

La Commissione società del Consiglio notarile di Milano ha approvato 12 nuovi orientamenti interpretativi in materia di srl che vanno ad aggiungersi alle 146 massime già emanate a partire dalla abrogazione della omologazione giudiziale prevista in precedenza per tutte le modificazioni statutarie, legge 340/2000 (il testo integrale delle nuove massime è sul sito www.consiglionotarilemilano.it).
La disciplina delle Svanza nel diritto societario. È il tipo di gran lunga più diffuso, che si presta ad essere utilizzato tanto nella piccola impresa quanto nei grandi gruppi, quale modello delle società operative controllate o anche forma giuridica delle holding di famiglia.La commissione dei notai milanesi ha deciso di selezionare alcune questioni. Ne è conseguito un piccolo corpus di massime, non certo un insieme organico e completo ma sorta di “spigolatura” di temi aperti e di problemi da approfondire. Una scelta che vuole sottolineare, a dispetto di evoluzione legislativa che parrebbe volta a una progressiva erosione del ruolo notarile nei modelli societari non azionari, l’importanza della funzione del controllo omologatorio anche in questa tipologia.
Le 12 nuove massime partono dalle modalità di versamento dei conferimenti in denaro in sede di costituzione della società, per soffermarsi poi su questioni in tema di rapporti tra soci e amministratori. Due altre aree tematiche sono oggetto di attenzione. Anzitutto la circolazione delle partecipazioni sociali, rispetto alle quali si prende posizione sia sui limiti temporali delle clausole di divieto di trasferimento delle quote, sia sulla possibilità di introdurre in statuto clausole che attribuiscono ai soci il potere di riscattare le quote di alcuni di essi, potendosi così configurare una delle numerose tipologie di diritti particolari (articolo 2468 del Codice civile).
Diverse massime si soffermano sulle operazioni di aumento del capitale sociale, in particolare è approfondito il tema delle clausole che consentono l’esclusione del diritto di opzione, al fine sia di chiarire i limiti e le modalità con cui ciò può avvenire sia di individuare le maggioranze necessarie per introdurre le clausole stesse nello statuto. Vengono inoltre esaminate le questioni relative alla deroga del principio di proporzionalità degli aumenti di capitale, sia gratuiti che a pagamento. Ciò può tradursi, a seconda dei casi, nell’attribuzione preventiva di uno speciale diritto a uno o più soci, valevole in ogni successiva deliberazione di aumento di capitale, oppure in una deroga una tantum alla regola della proporzionalità, rendendosi in tal caso necessario il consenso unanime dei soci. Le nuove massime saranno presentate nell’ambito di un convegno di studi organizzato dal Consiglio Notarile di Milano in collaborazione con la Scuola del Notariato della Lombardia, che si terrà il prossimo 27 maggio, nel quale interverranno componenti della commissione milanese. Oltre alla presentazione delle massime, il convegno sarà occasione di esame della giurisprudenza societaria in tema di srl, cui sarà dedicata una sessione. Ciò nella convinzione che essa rappresenta sempre il principale riscontro e la guida insostituibile dell’interpretazione dottrinale e della prassi applicativa da parte dei notai e degli altri operatori del diritto.

Mario Notari

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«C’è da sfamare il mondo, cercando allo stesso tempo di non distruggerlo». A margine dell’Op...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Bollette, il governo conferma l’intervento straordinario da 3 miliardi per limitare l’aumento r...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non arriva come un fulmine a ciel sereno: da mesi in Parlamento si parla di entrare in aula con il ...

Oggi sulla stampa