Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

S&P’s abbassa il rating di Tokyo

di Stefano Carrer

Più che un salutare schiaffo al governo giapponese, è un preciso avvertimento a tutti i paesi sviluppati che faticano a delineare piani credibili di contenimento del debito pubblico: così gli investitori internazionali hanno interpretato la decisione di Standard & Poor's di abbassare da AA a AA- il rating sovrano a lungo termine del Giappone.

Il primo declassamento di Tokyo da quasi nove anni – che lo pone sullo stesso livello della Cina e un gradino sotto la Spagna – ha avuto effetti trascurabili sul mercato obbligazionario locale (dove i bond pubblici sono per oltre il 90% in mani giapponesi), ma ha rilanciato sui mercati le spinte all'avversione al rischio: se altri fattori hanno potuto sostenere le Borse, all'indebolimento dello yen ha corrisposto un rafforzamento generale di valute-rifugio come il dollaro e il franco svizzero, mentre il costo di assicurazione del debito sovrano dell'Eurozona (non solo quello dei paesi "periferici" e dell'Italia, ma anche quello della Germania a "tripla A") è tornato a salire.

Il premier Naoto Kan – in partenza per Davos – è stato colto di sorpresa, tanto più che nel recente rimpasto ministeriale aveva imbarcato come ministro delle politiche economiche e fiscali l'ex acerrimo nemico (già esponente di punta del partito liberaldemocratico) Kaoru Yosano, da tutti considerato un falco del consolidamento delle finanze pubbliche. S&P's ha chiamato in causa direttamente Kan: non solo sostiene che i crescenti ratio del debito giapponese «troveranno un picco solo a metà degli anni 2020», il che «ridurrà ulteriormente la flessibilità fiscale», ma si è spinta ad affermare che «l'esecutivo guidato dal Partito democratico manca di una coerente strategia» in proposito, mentre c'è il rischio che il parlamento non approvi i provvedimenti esecutivi del bilancio. In questo senso, Kan e il paese sembrano pagare per il recente esito elettorale che ha generato una Dieta a maggioranze diverse tra un ramo e l'altro.

Yosano ieri ha colto la palla al balzo: a sua parere, la mossa di S&P's è spiacevole ma in fondo giustificata e si traduce in una richiesta di serietà nell'affrontare il problema di un debito complessivo che quest'anno supererà il 204% del Pil. Il ministro delle Finanze Yoshihiko Noda ha altresì sottolineato l'urgenza dell'approvazione del budget entro fino marzo e della definizione di un piano a medio termine di sostenibilità fiscale entro giugno. «Il declassamento non arriva come una grande sorpresa, ma potrà rendere più facile a Yosano promuovere riforme fiscali», ha commentato il presidente di Nomura Junichi Ujiie. Yosano è da anni il principale sostenitore di un aumento dell'imposta sui consumi: misura impopolare di cui quasi tutti vedono la necessità. Il problema, come sottolinea Robert Feldman di Morgan Stanley MUFG Securities, è come attuarla «senza danneggiare l'economia (come è successo nel 1997, quando passò dal 3 al 5%) e senza che distrugga il governo che la deciderà». Alla fine, vari osservatori pensano che l'iniziativa di S&P's non sia del tutto sgradita a varie sfere governative: come accaduto spesso in passato, un po' di sano «gaiatsu» (pressione dall'estero) serve a irrobustire il consenso su temi controversi. Kan potrebbe ora avere qualche chanche in più di trovare dei "responsabili" tra i partiti di opposizione per far passare i collegati alla finanziaria, oltre che per tacitare i compagni di partito che temono l'effetto-boomerang – in termini di consensi – di un vero rigorismo fiscale.

Inoltre, dopo il fallimento di un singolo intervento diretto sui mercati valutari (e di ripetute minacce verbali) nel frenare l'ascesa dello yen, a Tokyo non si può che apprezzare il fatto che S&P's abbia intaccato lo status di valuta-rifugio della divisa: uno yen meno forte può aiutare il consolidamento degli accenni di ripresa dell'economia, evidenziati ieri dal dato migliore delle attese sull'export di dicembre (+13%). Più che direttamente sullo yen o sul mercato obbligazionario, afferma Geoff Kendrick di Nomura, l'impatto del declassamento nipponico riguarda a largo raggio la percezione del rischio da parte degli investitori, che sono costretti a tener conto dell'eventualità di future batoste da parte delle agenzie di rating nei confronti di altri paesi avanzati usciti con un debito più pesante dall'ultima recessione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Nel settore degli affitti brevi ha conosciuto un successo travolgente l’utilizzo delle piattaforme...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tassi a zero, caccia ai dividendi. Dopo le mosse della Bce e della Fed è chiaro a tutti che i tassi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Che cosa faccio se mi trovo per le mani mille o 50 mila euro nell’era dei rendimenti sottozero? Di...

Oggi sulla stampa