Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sprint per la revisione contabile

La revisione contabile tenta lo sprint. In pubblicazione, sulla Gazzetta Ufficiale delle prossime settimane, il primo set di decreti attuativi del dlgs 39/2010 sull’attuazione della direttiva europea in tema di revisione contabile. In particolare, secondo quanto risulta a ItaliaOggi, stanno per tagliare il traguardo i decreti su accesso alla professione di revisore, iscrizione e tenuta del registro.

Una chiara scelta, secondo alcuni esperti, quella del legislatore, di imprimere una accelerata al processo di attuazione che è in gestazione nelle stanze tecniche, di diversi ministeri, da circa due anni. I lavori e le riunioni, infatti, non si fermano. Per la prossima settimana, infatti, è in agenda un incontro di coordinamento per provare a sciogliere il nodo del collegio sindacale. Quest’ultimo è corpo estraneo rispetto alla normativa europea ma peculiare per quella interna, e dovrà trovare una sua collocazione nel provvedimento attuativo: sul tappeto il riconoscimento o meno per il collegio della possibilità di fare revisione. I lavori, poi, procedono, in una sorta di corsa contro il tempo, anche nella traduzione del codice dei principi di revisione dell’organismo internazionale che li emana, l’Ifac. Due anni di elaborazione sono infatti abbastanza perché, in concomitanza con la fine dei lavori, siano già pronte, a livello internazionale, le evoluzioni. E l’esperienza dell’attuazione italiana rischia, dunque, di arrivare in ritardo. Il cammino della nuova revisione contabile, poi, è tuttaltro che in discesa. Basti pensare al cambio di competenze per gli uffici che ne hanno seguito l’evoluzione, ora la gestione è, infatti, in mano alla ragioneria dello stato che ha individuato, all’interno della propria struttura, competenze ad hoc, nella speranza che queste ultime non vengano ridotte o ridimensionate dai tagli della spending review prossima ventura. Un alto livello di burocrazia ha contraddistinto tutta la seconda fase delle nuove regole sul controllo dei bilanci delle imprese. Molti regolamenti necessitano, infatti, di verifiche incrociate non solo ministeriali ma anche con autorità come la Consob (commissione nazionale società e borsa), o la Banca di Italia e l’Isvap (istituto di vigilanza sulle assicurazioni). Sul fronte, ad esempio, della commissione nazionale per le società e la borsa, manca ancora all’appello il provvedimento per individuare gli enti di interesse pubblico. Per questi soggetti la revisione non potrà essere effettuata dal collegio sindacale. Sul punto però la Consob, d’intesa con la Banca d’Italia e l’Isvap, può individuare con regolamento le società controllate e quelle sottoposte a comune controllo che non rivestono significativa rilevanza nell’ambito del gruppo, nelle quali, la revisione legale può essere esercitata dal collegio sindacale.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Leonardo Del Vecchio stila la lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Essilor Luxot...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per capire la Ragioneria generale dello Stato bisogna aver visitato la sala di Via Venti Settembre d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Riflettori puntati sulla cessione della quota (il 62,50%) di Banca Profilo, oggi all’interno del p...

Oggi sulla stampa