Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Spesometro, leasing e black list vanno nel modello polivalente

Il nuovo spesometro trova l’assetto definitivo in vista dell’esordio di novembre, quando dovranno essere comunicate le operazioni del 2012. La diffusione del modello aggiornato e delle istruzioni di compilazione, pubblicate dieci giorni fa sul sito dell’Agenzia delle entrate, fanno chiarezza su molti aspetti dell’adempimento istituito dall’art. 21 del dl n. 78/2010 e rimodulato dal dl n. 16/2012, soprattutto su quelli oggettivi, concernenti le operazioni da segnalare a quelli soggettivi, e sulle relazioni con gli altri adempimenti che trovano ospitalità nel modello. A fugare le residue perplessità, che investono per esempio i profili temporali e le autofatture per acquisti da soggetti esteri, potrebbe intervenire presto un documento chiarificatore dell’Agenzia delle entrate. Difficilmente, comunque, arriverà una proroga dei termini, oramai prossimi, del 12 e 21 novembre. Vediamo alcuni punti della disciplina, cominciando proprio dalla polivalenza del modello.

Spesometro «allargato» e adempimenti veicolati. L’area dello «spesometro» in senso stretto è delimitata dall’art. 21 del dl n. 78/2010. In base a questa disposizione, i soggetti passivi dell’Iva devono comunicare all’Agenzia delle entrate:

a) le cessioni di beni e le prestazioni di servizi, rese e ricevute, per le quali è stata emessa fattura (la legge parla di operazioni con obbligo di fattura, ma il provvedimento dell’agenzia del 2 agosto 2013, al punto 3.2, assimila opportunamente l’emissione «spontanea» della fattura);

b) le cessioni di beni e le prestazioni di servizi, rese e ricevute, per le quali non sussiste l’obbligo di emissione della fattura, limitatamente alle operazioni di importo unitario non inferiore a 3.600 euro (in proposito, però, il modello parrebbe richiedere solo le operazioni attive).

In sostanza, devono essere segnalate:

– tutte le operazioni documentate da fattura, quale che sia l’importo; un’eccezione transitoria a questo principio riguarda i soggetti di cui agli artt. 22 e 74-ter del dpr 633/72 (commercianti al minuto e assimilati, agenzie di viaggio), i quali, relativamente alle operazioni degli anni 2012 e 2013, possono limitarsi a segnalare solo le fatture di importo sopra soglia (almeno 3.600 euro);

– le operazioni non documentate da fattura, se di importo sopra soglia.

Ai sensi del punto 3 del provvedimento del 2 agosto 2013, inoltre, devono essere comunicate con lo «spesometro»:

c) le operazioni in contanti di importo pari o superiore a 1.000 euro legate al turismo, effettuate dai soggetti di cui agli artt. 22 e 74-ter, dpr 633/72, nei confronti di turisti stranieri. Questo particolare adempimento è stato previsto dal comma 2-bis dell’art. 3 del dl n. 16/2012, con il quale, in relazione alle disposizioni dei precedenti commi 1 e 2, che consentono ai predetti soggetti, alle condizioni ivi stabilite, di effettuare operazioni legate al turismo nei confronti di cittadini stranieri con pagamento per contanti fino a 15 mila euro, è stato introdotto, appunto, l’obbligo di comunicare a consuntivo all’agenzia delle entrate, con modalità e termini da essa stabilite, le singole operazioni di importo non inferiore a 1.000 euro effettuate dal 29 aprile 2012. Va da sé che queste operazioni, da indicare nel quadro BL del modello, non devono essere riportati negli altri quadri.

I contribuenti sono liberi di scegliere se comunicare le operazioni di cui alle lettere a) e b) in forma aggregata, indicando cioè il totale delle fatture od operazioni annue con ciascun cliente/fornitore, oppure in forma analitica, indicando ciascuna fattura od operazione. Le operazioni di cui alla lettera c), invece, vanno segnalate necessariamente in forma analitica.

Leasing e noleggio. Come previsto dal punto 1.3 del provvedimento del 2 agosto 2013, gli operatori che svolgono l’attività di leasing (di beni di ogni genere) e quelli che svolgono l’attività di locazione/noleggio di autovetture, caravan, altri veicoli, unità da diporto e aeromobili, tenuti a comunicare i dati dei relativi contratti secondo le disposizioni del provvedimento del 21 novembre 2011, a decorrere dalle operazioni del 2012 possono utilizzare per tale specifica comunicazione, anziché il tracciato approvato con quest’ultimo provvedimento, il modello polivalente.

Acquisti da San Marino e operazioni black list. Il modello polivalente deve essere utilizzato anche per comunicare:

– gli acquisti di beni effettuati presso operatori sammarinesi, in relazione ai quali l’Iva è dovuta in Italia dal soggetto passivo acquirente (quadro SE).

– le operazioni con soggetti economici stabiliti in paesi e territori black list, obbligo previsto dall’art. 1 del dl n. 40/2010. Riguardo ai periodi di riferimento e ai termini per l’invio della comunicazione black list, rimangono ferme le disposizioni del dm 30 marzo 2010. In merito alla decorrenza dell’utilizzo del modello polivalente per le operazioni black list e per gli acquisti da San Marino, stabilita nel provvedimento del 2 agosto 2013, l’Agenzia delle entrate ha ammesso la possibilità di continuare a utilizzare le precedenti modalità di comunicazione per le operazioni effettuate fino al 31 dicembre 2013.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa