Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sparkasse, più utili e focus sulla crescita

Meno costi e ricavi in crescita per Sparkasse-Cassa di Risparmio di Bolzano , che inizia a raccogliere i frutti della ristruturazione del biennio precedente e chiude il primo semestre 2017 con un utile di 9,1 milioni di euro, mentre a livello consolidato di gruppo l’utile ammonta a 9,2 milioni di euro.
Si tratta di risultati superiori agli «obiettivi strategici prefissati» che sono stati raggiunti grazie al «grande affiatamento fra le persone che lavorano per la Sparkasse», spiega l’amministratore delegato e d.g. Nicola Calabrò. Nel semestre il gruppo altoatesino ha aumentato la raccolta diretta con una crescita di 70 milioni di euro, in progresso dell’1,1% rispetto a fine dicembre. A muoversi al rialzo è in particolare la raccolta gestita (+10%) grazie all’offerta dei servizi di consulenza. Gli impieghi lordi, al netto del calo delle sofferenze (-8,0%) registrano un leggero aumento di 20 milioni di euro che corrisponde allo +0,3% da inizio anno. Bene i proventi operativi netti, nonostante in un contesto fortemente influenzato dal minimo livello storico dei tassi di interesse. Si segnala in particolare una crescita dei ricavi operativi (+10,8%, al netto del costo della cessione del portafoglio crediti deteriorati) trainata dalla crescita del margine di interesse (+18,2%) e dei ricavi da servizi (+4,5%). Buoni risultati anche sul versante dei costi operativi che registrano una contrazione del 6,1%. «Questi dati sono il risultato degli sforzi fatti negli ultimi anni, profusi in particolare tra il 2015 e il 2016», spiega al Sole 24Ore Nicola Calabrò. Nel primo semestre dell’anno la banca ha anche registrato un miglioramento della qualità degli attivi, a valle del processo di pulizia avviato sul portafoglio. L’Npl ratio è sceso in un semestre dal 17,6% al 15,5%, e «siamo convinti di poter scendere sotto l’obiettivo del 15% entro fine anno, e sotto il 9% in termini netti». L’effetto combinato della riduzione degli accantonamenti, e della crescita dei ricavi dovrebbe riflettersi in una maggiore redditività, che è attesa a «doppia cifra» a fine anno. Archiviato positivamente il semestre, la banca di Bolzano guarda ora con maggiore tranquillità ai prossimi trimestri. L’intenzione è di «continuare a considerare potenziali operazioni di partnership» ma «senza alcuna fretta». Sparkasse, dice Calabrò, «oggi non è costretta a fare operazione straordinarie perchè i numeri dimostrano che possiamo anche stare anche stand alone. Rimaniamo aperti a valutare le opzioni e ne parleremo in autunno ma lo facciamo con più serenità rispetto al passato».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ultimo miglio con tensioni sul piano italiano per il Recovery Fund. Mentre la Confindustria denuncia...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le diplomazie italo-francesi sono al lavoro con le istituzioni e con le aziende di cui Vivendi è un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La tempesta del Covid è stata superata anche grazie alla ciambella di salvataggio del credito, ma o...

Oggi sulla stampa