Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

S&P taglia il voto a 24 banche italiane

di Fabrizio Massaro

MILANO — Si presenta in peggioramento il 2012 per le banche italiane. La debolezza dell'economia, le tenzioni nelle aree periferiche dell'Eurozona e le prospettive calanti di crescita influenzeranno negativamente il sistema bancario italiano, che vedrà aumentare i costi per reperire liquidità, e di conseguenza ridursi la redditività per il 2012. Questa è la visione di Standard &Poor's, che ieri ha ridotto da 2 a 3 (su una scala decrescente da 1 a 10) il giudizio sul sistema bancario a causa della sua stretta correlazione con l'economia italiana. L'analisi segue il giudizio del 19 settembre che ha visto ridotto di un gradino, da «A+» ad «A», il rating sull'Italia: «Le difficoltà operative non saranno transitorie o facilmente invertite. Il costo del credito per banche e aziende rimarrà notevolmente più alto nell'Eurozona finché il governo non metterà in campo misure per la crescita e realizzerà una più rapida riduzione del debito», dice S&P nel rapporto.
Contemporaneamente ieri l'agenzia ha declassato 24 banche italiane, fra le quali Mps, Ubi e Banco Popolare, ma ha confermato i voti per 19, fra cui Intesa Sanpaolo e Mediobanca (downgradate a settembre insieme con lo Stato, da «A+» ad «A») e Unicredit, che era già al livello «A», grazie alla minore dipendenza dall'Italia. Sempre ieri Fitch ha declassato Fiat da «BB+» a «B» per i rischi dell'integrazione di Chrysler «in un contesto sempre più impegnativo».
Ci sono effetti anche per i clienti delle banche. «Ogni 100 punti base di aumento degli spread sovrani comporta per le banche un calo del margine di interesse di circa il 9% per il 2012%», spiega Renato Panichi, autore del rapporto, «ma questa cifra non tiene conto del parziale trasferimento ai clienti del maggior costo della raccolta sotto forma di un aumento degli interessi e di altri oneri. Se si considera questo, stimiamo che l'impatto sul margine di interesse si riduca a -4,4% nel 2012». Insomma, metà del costo in più pagato dalle banche per gli spread fra Btp e Bund tedeschi si scaricherà sui clienti. Da marzo a settembre gli spread su un bond bancario a 5 anni per Intesa Sanpaolo sono passati da 153 punti a 370, per Unicredit da 148 a 367. Molto più delle francesi Credit Agricole (297) e Bnp (232), o della spagnola Bbva (354). L'altra variabile che incide sul sistema bancario è per S&P la crescita economica, stimata in appena +0,5% per il 2012 contro un +1% per la Spagna. «La minore crescita economica significa rallentamento dell'attività creditizia, che unita al maggior costo del funding aumenta gli effetti negativi». Per Standard &Poor's finora comunque non ci sono segnali di una stretta sul credito: «Non ci sarà magari credit crunch, ma impatti a livello economico sì. La mancanza o meno di credito è legata alle capacità delle banche di finanziarsi. Ad oggi le due più grandi riescono a emettere covered bond, mentre le altre si finanziano per lo più con titoli e depositi presso la clientela retail o corporate, visto che i mercati wholesale sono difficili da accedere, non solo per le banche italiane ma in tutta Europa. Questo è un punto di forza delle banche italiane, che possono fare leva sui risparmi delle famiglie e sulla fiducia di cui ancora godono».
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa