Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sovraindebitamento doc

Sovraindebitamento guidato. Grazie a una serie di checklist che si occupano di definire la raccolta documentale, i facsimili di istanza di accesso ai dati presenti nel sistema di informazioni creditizie – modulo richiesta Crif, il facsimile di richiesta di accesso alle banche dati comprese nell’anagrafe tributaria. Uni Ente italiano di normazione e Sistema impresa-Confederazione autonoma Italiana delle imprese e dei professionisti, con il contributo dell’Ordine dei dottori commercialisti di Milano, ha emanato la prassi di riferimento Uni/PdR 82 denominata «Linee guida per la definizione delle attività riguardanti la composizione della crisi da sovraindebitamento e i rapporti con gli Organismi di composizione della crisi (Occ)». Il documento, con un taglio pratico ed operativo, permette ai soggetti che a vario titolo si trovano ad aver a che fare con la procedura da sovraindebitamento di:

a) identificare quali strumenti attivare (accordo di composizione della crisi, piano del consumatore e liquidazione del patrimonio) e le differenti fasi che caratterizzano le attività riguardanti la composizione della crisi per i debitori civili;

b) definire la procedura di costituzione degli organismi di composizione della crisi;

c) individuare gli elementi per la formazione del profilo professionale fornendo, in appendice, apposite check list e facsimili utili per lo svolgimento della procedura.

Gli Occ, ricordiamo, sono i soggetti preposti dalla legge 3/2012, che sarebbe dovuta essere sostituita dal Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (Ccii, dlgs 14/2019) ma che sino al 1° settembre 2021 non entrerà in vigore per il rinvio operato dall’art. 5 del dl 23/2020 (decreto Liquidità).

Il documento punta ad aiutare famiglie, imprese e professionisti nella gestione della crisi da sovraindebitamento, situazione in cui nell’attuale scenario emergenziale che l’Italia sta vivendo a causa dell’epidemia da Covid-19 risulta quanto mai attuale e di primario interesse per gli importanti risvolti sociali, considerato che si prevede un’impennata delle richieste di sovraindebitamento per permettere il fresh- start delle famiglie.

La finalità della prassi Uni/PdR 82 è quella di agevolare la confidenza di professionisti ed enti con l’istituto del sovraindebitamento (legge 3/2012), in modo che possa lo stesso possa essere sempre più utilizzato per indirizzare e sbloccare posizioni di sofferenza le quali, se correttamente e tempestivamente gestite, possono essere foriere di ripartenze ed anche riacquisto di una condizione di dignità sociale.

Il documento, prendendo a riferimento la legge 3/2012 (c.d. anche Legge salva suicidi) e il decreto ministeriale 202/2014 (regolamento recante i principi sull’iscrizione nel registro degli Organismi di composizione della crisi da sovraindebitamento), svolge altresì un’analisi comparativa rispetto alle novità introdotte dal Ccii.

Proprio il Ccii, all’art. 2, lett. c), definisce il sovraidebitamento quale lo stato di crisi o di insolvenza del consumatore, del professionista, dell’imprenditore minore, dell’imprenditore agricolo, delle start-up innovative e di ogni altro debitore non assoggettabile alla liquidazione giudiziale ovvero a liquidazione coatta amministrativa o ad altre procedure liquidatorie previste dal codice civile o da leggi speciali per il caso di crisi o insolvenza, crisi in cui molti consumatori, professionisti e imprenditori minori si sono trovati catapultati da un giorno all’altro a causa del lockdown.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa