Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sorgenia verso l’aumento di capitale Banche pronte alla conversione

MILANO — Le banche creditrici di Sorgenia sono pronte a mettere sul tavolo 300 milioni — anche convertendo il debito in azioni — per venire incontro al gruppo di energia controllato dalla Cir della famiglia De Benedetti, gravata da 1,86 miliardi di debiti, 600 milioni dei quali in eccesso. Ma chiedono che la holding presieduta da Rodolfo De Benedetti e guidata da Monica Mondardini immetta nella società energetica guidata da Andrea Mangoni non 100 ma almeno 150 milioni di nuova finanza, anche se Cir punta i piedi. Sorgenia si starebbe preparando a questa mossa, tanto è vero che al consiglio di lunedì scorso sul piano finanziario da 600 milioni (con l’assistenza di Lazard e dello studio Latham & Watkins) sarebbe stato discusso un aumento di capitale da 200 milioni: e se davvero Verbund, il socio austriaco al 47% di Sorgenia, non farà la propria parte, toccherà a Cir (assistita da Bonelli Erede Pappalardo) decidere quanto versare, in accordo con le banche. In questo modo Sorgenia, che ha liquidità fino a marzo, eviterebbe l’asfissia finanziaria.
Ieri all’incontro tra le banche — sono in totale 21 gli istituti esposti, in testa Mps con 600 milioni — l’advisor dei creditori Rothschild (quello legale è Lombardi Molinari Segni) ha tracciato il quadro delle possibili vie d’uscita. Ma non è stata presa una decisione, segno che tra le banche non c’è ancora unanimità, fra l’altro sul futuro peso della Cir nella governance di Sorgenia. Il vertice decisivo, alla presenza degli amministratori delegati degli istituti principali (Mps, Unicredit, Banca Imi, Banco Popolare, Bpm, Ubi) insieme con i vertici di Sorgenia, è stato fissato per lunedì 3 a Milano.
Nei vari scenari ipotizzati, Cir è chiamata a versare 150 milioni, a fronte dei quali le banche metterebbero il doppio. In uno schema le banche convertono il credito in «nuovi strumenti partecipativi», che consentono di alleggerire il debito garantendo comunque una remunerazione. In altro schema, che implica un intervento più duro, Cir sottoscrive azioni per 150 milioni, mentre le banche convertono 300 milioni di debiti in capitale. In entrambi i casi, l’esposizione residua verrebbe trasformata in un prestito convertendo. Nell’ipotesi estrema che Cir mettesse solo 100 milioni, le banche convertirebbero solo 200 milioni.
In ogni caso, si pone il problema della governance. Con l’aumento di capitale le banche prenderebbero il 67% circa di Sorgenia. Ma anche nell’ipotesi dei nuovi strumenti finanziari il tema resta quello di far avere un peso maggiore alle banche nella ristrutturazione di Sorgenia e successivamente nel rientro dai prestiti. Per riequilibrare la situazione patrimoniale si punta alla cessione del ramo delle rinnovabili, sul «capacity payment» — cioè del nuovo sistema introdotto nella legge di Stabilità di remunerazione pubblico della capacità di produzione (cioè il fatto di essere una sorta di «riserva» di energia per il Paese) — oltre a un possibile intervento del socio di maggioranza Gaz de France (GdF) nella controllata Tirreno Power. Obiettivo finale, a medio termine, la vendita a un operatore più grande o magari la quotazione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa