Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sono sberle fra Apple e Samsung

di Ettore Bianchi 

Non c'è più soltanto Apple nel magico mercato delle tavolette. L'unica a potere realmente dar fastidio all'impero fondato da Steve Jobs è la coreana Samsung, che ha lanciato sul mercato il modello Galaxy Tab 10.1. A essa il compito di affrontare lo strapotere dell'iPad 2.

E la casa americana sembra proprio infastidita dalla presenza della rivale, visto che cerca di proibirne la commercializzazione in vari paesi, accusando soprattutto Samsung di avere copiato il suo design.

I due prodotti, in effetti, sembrano uguali, ma il loro utilizzo li rende diversi per alcuni aspetti. Per esempio, guardare un film su un tablet è uno dei passatempi preferiti dei francesi. Se lo schermo piuttosto quadrato dell'iPad lo rende molto maneggevole, il formato più stretto in 16/9 del modello Samsung è ideale per un film. In posizione orizzontale, il Galaxy risulta comodo anche per due persone. Esso, inoltre, offre immagini più ricche in contrasto e più calde della tavoletta di Apple.

Entrambi i prodotti sono adatte a un uso in modalità wi-fi. Per vedere film contenuti nella chiavetta Usb occorre collegare uno speciale adattatore. Una soluzione, tuttavia, non ideale: è utile per trasferire un piccolo file, ma terribile per guardare un video.

Per gli altri usi multimediali le due tavolette non si sostituiscono a una macchina fotografica digitale.

La qualità degli scatti e dei video non è eccezionale. Essa è un poco superiore nel Galaxy, equipaggiato con un flash. Invece le performance sono simili per quanto riguarda la funzione smartphone: buona interfaccia, qualità sonora soddisfacente degli altoparlanti nonostante la loro dimensione ridotta.

Gli sviluppatori di applicazioni hanno finora privilegiato l'universo Apple, mentre i software concepiti per la tavoletta coreana cominciano solo ora a essere ottimizzati. Per esempio, l'applicazione Allociné non offre l'interfaccia dinamica dell'iPad. Lo stesso problema si pone per le applicazioni di stampa online e per i piccoli annunci. Tranne che per YouTube, le applicazioni della rivista Android Market sono spesso meno eleganti e meno rifinite, poiché molte di esse sono state create per gli schermi degli smartphone e hanno una cattiva risoluzione su schermi più grandi come quelli del Galaxy. L'unica consolazione è per gli appassionati di videogiochi, che potranno provare la potenza del processore Tegra 2 di Nvidia del modello Samsung grazie ad applicazioni ludiche ottimizzate, offrendo animazioni molto ricche.

Per scegliere fra le due tavolette a prezzo paragonabile (a partire da 489 euro), si deve tenere presente un elemento fondamentale: se si ha già un iPhone e l'universo multimediale è sotto iTunes, a imporsi sarà Apple. Invece, se si possiede un telefono Android e non si ha uno smartphone, la scelta sarà più aperta.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non è stata una valanga di adesioni, ma c’è tempo fino a domani per consegnare le azioni Creval ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un altro passo avanti su Open Fiber, la rete oggi controllata alla pari 50% da Cdp e Enel, per accel...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il «passaggio di luglio» con la fine del blocco dei licenziamenti per le imprese dotate di ammorti...

Oggi sulla stampa