Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sono sberle fra Apple e Samsung

di Ettore Bianchi 

Non c'è più soltanto Apple nel magico mercato delle tavolette. L'unica a potere realmente dar fastidio all'impero fondato da Steve Jobs è la coreana Samsung, che ha lanciato sul mercato il modello Galaxy Tab 10.1. A essa il compito di affrontare lo strapotere dell'iPad 2.

E la casa americana sembra proprio infastidita dalla presenza della rivale, visto che cerca di proibirne la commercializzazione in vari paesi, accusando soprattutto Samsung di avere copiato il suo design.

I due prodotti, in effetti, sembrano uguali, ma il loro utilizzo li rende diversi per alcuni aspetti. Per esempio, guardare un film su un tablet è uno dei passatempi preferiti dei francesi. Se lo schermo piuttosto quadrato dell'iPad lo rende molto maneggevole, il formato più stretto in 16/9 del modello Samsung è ideale per un film. In posizione orizzontale, il Galaxy risulta comodo anche per due persone. Esso, inoltre, offre immagini più ricche in contrasto e più calde della tavoletta di Apple.

Entrambi i prodotti sono adatte a un uso in modalità wi-fi. Per vedere film contenuti nella chiavetta Usb occorre collegare uno speciale adattatore. Una soluzione, tuttavia, non ideale: è utile per trasferire un piccolo file, ma terribile per guardare un video.

Per gli altri usi multimediali le due tavolette non si sostituiscono a una macchina fotografica digitale.

La qualità degli scatti e dei video non è eccezionale. Essa è un poco superiore nel Galaxy, equipaggiato con un flash. Invece le performance sono simili per quanto riguarda la funzione smartphone: buona interfaccia, qualità sonora soddisfacente degli altoparlanti nonostante la loro dimensione ridotta.

Gli sviluppatori di applicazioni hanno finora privilegiato l'universo Apple, mentre i software concepiti per la tavoletta coreana cominciano solo ora a essere ottimizzati. Per esempio, l'applicazione Allociné non offre l'interfaccia dinamica dell'iPad. Lo stesso problema si pone per le applicazioni di stampa online e per i piccoli annunci. Tranne che per YouTube, le applicazioni della rivista Android Market sono spesso meno eleganti e meno rifinite, poiché molte di esse sono state create per gli schermi degli smartphone e hanno una cattiva risoluzione su schermi più grandi come quelli del Galaxy. L'unica consolazione è per gli appassionati di videogiochi, che potranno provare la potenza del processore Tegra 2 di Nvidia del modello Samsung grazie ad applicazioni ludiche ottimizzate, offrendo animazioni molto ricche.

Per scegliere fra le due tavolette a prezzo paragonabile (a partire da 489 euro), si deve tenere presente un elemento fondamentale: se si ha già un iPhone e l'universo multimediale è sotto iTunes, a imporsi sarà Apple. Invece, se si possiede un telefono Android e non si ha uno smartphone, la scelta sarà più aperta.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le recessioni impattano sulle pensioni future. Ma un Pil allo zero virgola fa anche peggio. Un Paese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’efficace contrasto al fenomeno mafioso sempre più pervasivo nel tessuto imprenditoriale ed econ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Parte la possibilità per le imprese di ottenere liquidità per un milione di euro a fronte di aumen...

Oggi sulla stampa