Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Somme assegnate al credito fondiario

La somma ricavata dalla procedura esecutiva immobiliare di un soggetto fallito, dedotto il compenso del custode, del delegato alla vendita e le spese conservative, deve essere assegnata provvisoriamente al credito fondiario che ha effettuato l’esecuzione. Così ha stabilito il giudice dell’esecuzioni immobiliari del tribunale di Monza con decreto del 21/3/14 decidendo sul reclamo avverso un piano di riparto negando che una parte del ricavato fosse destinata al fallimento (in conto compenso del curatore).

Non vi è dubbio che il privilegio del creditore fondiario è meramente processuale e temporale e, quindi, di tipo anticipatorio dell’effetto dell’esecuzione, ma che non elimina la competenza funzionale del giudice delegato nel decidere l’opponibilità, quantità e natura privilegiata o meno del credito.

È onere del creditore al quale è stata assegnata provvisoriamente la somma insinuarsi al passivo del fallimento e sottostare alla verifica del credito in ambito concorsuale, affinché sia determinato l’ammontare dell’importo che spetta al creditore e che il medesimo potrà trattenere a titolo definitivo in base al riparto in ambito fallimentare.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa