Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Soldi alle pmi con ogni mezzo

Intervenire urgentemente per sostenere la sopravvivenza e la ripartenza delle imprese, soprattutto con interventi mirati alla liquidità; ridurre significativamente l’economia sommersa per riequilibrare il carico fiscale e garantire concorrenza equa; modernizzare il tessuto economico e produttivo del Paese per aumentarne il livello di innovazione e la sostenibilità. Sono questi i tre macro obiettivi individuati dal Comitato di esperti guidato da Vittorio Colao condensate nel documento «Iniziative per il rilancio -Italia 2020-2022», presentato l’8 giugno scorso al premier Giuseppe Conte (si veda ItaliaOggi di ieri).

Liquidità di sopravvivenza. Le strategie da adottare riguardano il rinnovo delle misure straordinarie quali il Fondo centrale di garanzia, Sace ecc.; la liquidazione dei crediti delle aziende verso la p.a. e la valutazione di anticipi per i lavori pubblici, al fine di agevolare in particolare le pmi. Differire il saldo imposte 2019 e il primo acconto 2020; promuovere un codice di comportamento – volontario ma fortemente sponsorizzato a livello governativo – per il pagamento rapido dei fornitori (ad es. a 30 giorni) al fine di riattivare la circolazione dei flussi di liquidità soprattutto a favore delle imprese piccole e deboli negozialmente, intervenendo, se necessario, in sede legislativa. Inoltre, secondo i saggi del Comitato, va esteso il decreto liquidità al factoring pro-soluto e al reverse factoring come garanzia della filiera.

 

Rinegoziazione dei contratti di locazione tra proprietari e locatari. Le azioni da intraprendere hanno come obiettivo la previsione, per legge, di una ripartizione del rischio tra locatore e conduttore nella forma di presunzione (previsione analoga a quanto previsto per impianti sportivi dall’art. 216, comma 3, del dl Rilancio) con la delimitazione soggettiva: locatori o conduttori appartenenti a certe categorie e oggettiva: solo locazioni di esercizi commerciali che prevedono il contatto con il pubblico e solo se l’esercizio è stato chiuso a seguito di misure di contenimento. Necessariamente la ripartizione riguarderà solo un certo periodo e dovrà essere stabilita la griglia di quote di riduzione del canone a seconda delle situazioni (es. 50/50 – 60/40). Secondo il Comitato, l’esistenza di una soglia presunta di legge può essere un rilevante deterrente rispetto alla promozione di giudizi, che richiederebbero peraltro una prova non facile del diverso ammontare dello squilibrio, considerato che in molti casi il conduttore ha probabilmente ritratto comunque una utilità dalla locazione.

Risparmio e investimenti nelle pmi e nelle società non quotate. Possibili azioni da intraprendere subito sono: nuove agevolazioni fiscali per le persone fisiche che sottoscrivono Oicr che investono prevalentemente in società non quotate e modifiche normative necessarie ad ampliare la platea di potenziali sottoscrittori; detassazione in capo alle persone fisiche dei proventi derivanti dalla sottoscrizione di quote di fondi in un periodo definito (ad esempio 2020-2021) che investono prevalentemente in società non quotate, a condizione che la persona mantenga l’investimento per un minimo di 5 anni. Introduzione di una detrazione pari al 30 per cento dell’investimento nei suddetti fondi spettante solo laddove a seguito della liquidazione dell’Oicr, l’investitore realizzi una minusvalenza di importo pari o superiore al 30% dell’investimento (soggetto ad autorizzazione della Commissione Ue). Esclusione dall’imposta sulle successioni delle quote dei suddetti fondi. Riduzione da 500 ad almeno 100 mila euro della soglia minima di investimento in Fia (Fondi di investimento alternativi) riservati per gli investitori non professionali. Una novità potrebbe riguardare l’introduzione della nuova categoria di «investitori al dettaglio qualificati», i quali, pur non possedendo i requisiti per essere considerati professionali o non volendo essere qualificati come tali per non perdere i benefici Mifid, possiedono un patrimonio personale o una competenza adeguati all’investimento in Fia riservati.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Saranno anche «perdite solo sulla carta», come si è affrettato a sottolineare il vi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — Esistono 109.853 domande di cassa integrazione Covid giacenti: non sono state ancora a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Una possibile svolta sul caso Autostrade potrebbe essere maturata al Consiglio dei minist...

Oggi sulla stampa