Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sofferenze e aumenti, piano delle banche

È un intervento di sistema quello che il governo ha in mente per incidere sulle debolezze del sistema bancario. Il focus è su quattro banche che hanno mostrato, per motivi e storie varie, significativi problemi: da Popolare di Vicenza fino a Carige, passando per Veneto Banca e Montepaschi (Mps). Problemi di patrimonio e di crediti deteriorati (npl). Il governo è deciso a prendere in mano in modo ancor più deciso la difficile situazione del sistema bancario, aprendo un canale diretto di confronto con i protagonisti, i banchieri, convocati ieri a Palazzo Chigi, per verificare la disponibilità a varare nuovi interventi per assicurarne la stabilizzazione. L’idea è di un veicolo privato, capitalizzato dalle banche più solide e dalle fondazioni bancarie, con l’intervento della Cdp sebbene in maniera non decisiva per non incappare nella scure Ue degli aiuti di stato. Un veicolo cui attingere, a seconda delle situazioni, per aumenti di capitale o per smobilizzare sofferenze.

Sarebbe stato questo l’argomento principale di discussione tra il premier Matteo Renzi, il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, e i vertici della Cdp, Claudio Costamagna e Fabio Gallia, gli amministratore delegati di Unicredit, Federico Ghizzoni, di Intesa, Carlo Messina, di Ubi, Victor Massiah, e il presidente dell’Acri, Giuseppe Guzzetti.

Il tema più caldo è l’imminente aumento di capitale con contestuale quotazione in Borsa di Popolare di Vicenza, da 1,75 miliardi, e di Veneto Banca, da 1 miliardo. Due istituti che insistono sul medesimo territorio al quale anche il Banco Popolare chiederà presto un altro 1 miliardo: tutti interventi imposti dalla Bce. Vicenza è la situazione più a rischio tanto che Unicredit, unico garante dell’aumento, sta valutando se portare avanti l’operazione, dato che non ci sarebbero riscontri positivi da parte del mercato. Il settore bancario in Borsa è messo in tensione, fra l’altro, anche dai rumors circolati ieri che la Bce avrebbe intenzione di forzare i tempi di rientro dalle sofferenze. Ma autorevoli fonti monetarie smentiscono. Il fondo privato potrebbe sottoscrivere parte delle azioni.

Il veicolo entrerebbe in gioco anche nell’ipotesi di rilevare i prestiti in sofferenza, come strumento da affiancare alla Garanzia pubblica appena varata. Una simile struttura dovrebbe essere costituita su base volontaria e agire con la logica di un operatore privato. Con i banchieri ieri poi si sarebbe ragionato anche su interventi più immediati per accelerare il recupero degli npl.

Mario Sensini

Fabrizio Massaro

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa