Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sofferenze, per Amco un’ondata fino a 100 miliardi

«Operatore di mercato»: Marina Natale rivendica la posizione di Amco, società di gestione di crediti deteriorati di proprietà del Tesoro, come un giocatore al pari livello dei gruppi privati attivi nel grande business degli npl. La contestazione dei concorrenti è che la società guidata dalla manager e presieduta dal direttore del Tesoro Stefano Cappiello alteri i prezzi degli npl grazie alla forza di indebitamento a prezzi bassi garantita dal socio Tesoro. Natale ieri alla commissione Banche presieduta da Carla Ruocco ha spiegato che «le transazioni di Amco sono riviste da Dg Comp» per verificare che i prezzi pagati per gli npl «siano in linea con il mercato». La sottolineatura di Natale serve a respingere le critiche di chi ipotizza uno scambio con Unicredit, attraverso l’acquisto di suoi npl, per convincere la banca a rilevare Mps, la famosa «dote»: «Non parlerei di regali, Amco è un operatore che formula un prezzo secondo logiche e griglie ben definite; si tratta di un interesse commerciale che Amco ha verso tutti gli operatori in modo continuativo» siano essi Unicredit, Mps o altri. Ad ogni modo «non c’è alcun impegno del board» a rilevare npl di Unicredit. Di sicuro nei prossimi due anni Amco, che gestisce 34 miliardi di deteriorati di cui 14 Utp (gli «incagli») con 45 mila imprese, avrà da lavorare: a causa della pandemia ci sarà un’ondata di nuovi npl di 60-100 miliardi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le previsioni della Commissione europea sull’economia dell’Unione e dell’Italia rappresentano ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Con un coordinamento esemplare, le due maggiori economie mondiali hanno rilasciato una "doppietta" d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il 2021 offre un parziale esonero contributivo, pari a un massimo 3mila euro, a lavoratori autonomi ...

Oggi sulla stampa