Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Società, riforma dei controlli

di Giovanni Negri

Delega per il riordino dei controlli societari e modifiche al Codice civile con effetto immediato per le Spa. Introduzione di una procedura per la ristrutturazione dei debiti del consumatore. Cambiamenti al decreto sul riordino dei riti. Possibilità per il cancelliere di assunzione della prova. Il testo del decreto legge sulla giustizia civile si arricchisce di un nutrito pacchetto di emendamenti da parte del Governo. Ieri mattina sono state presentate le proposte del ministero della Giustizia di modifica al testo. Prima tra tutte l'affidamento al Governo di una delega da esercitare in tempi strettissimi, 6 mesi, per il coordinamento delle misure esistenti in materia di controlli nelle società di capitali.
Oggetto assai ampio e a elevata incidenza sulle vita di Spa e Srl, per modificare il quale però il ministero della Giustizia dovrà attenersi ad alcuni principi guida. Ma anche materia sulla quale un intervento di razionalizzazione è stato da tempo sollecitato sia dagli imprenditori sia dagli operatori. In primo luogo la Giustizia dovrà fare attenzione al nodo dei costi e dei benefici, con la necessità del bilanciamento tra il livello degli oneri amministrativi imposti alle imprese con l'esigenza di efficacia e ed efficienza dei controlli. E poi, obbligo di assicurare un sistema coerente con l'eliminazione di sovrapposizione e duplicazioni nelle funzioni e strutture di controllo ma anche un coordinamento del sistema dei controlli che tenga conto delle dimensioni delle società coinvolte.
Sempre sul diritto societario, l'articolo 2447 del Codice civile sulla riduzione del capitale sociale al di sotto del limite legale viene integrato stabilendo che, in alternativa alla procedura attuale per la ricostituzione del capitale entro i parametri, la società può deliberare un aumento di capitale in misura tale che, al netto della riduzione immediatamente successiva per coprire le perdite, il capitale risulti superiore al minimo di legge. Inoltre, le delibere assunte entro il 30 giugno 2012 dalle società che non fanno ricorso al mercato del capitale di rischio sulla vendita di azioni proprie, detenute alla data del 31 dicembre 2011, sono assunte dall'assemblea ordinaria senza conteggiare tali azioni nel calcolo della maggioranza e della quota di capitale richiesta per l'approvazione della delibera. I soci hanno in ogni caso diritto di esercitare la prelazione in misura proporzionale alle partecipazioni sociali detenute.
Il Governo mantiene poi la promessa di una procedura indirizzata a mettere un riparo alle crisi da sovraindebitamento delle famiglie, prevedendo una possibilità di liberazione dai debiti residui di cui potrà usufruire il consumatore (si veda l'articolo qui a fianco). L'emendamento, che si diffonde nel dettaglio della procedura, rappresenta l'ideale completamento della legge appena approvata dal Senato sulla ristrutturazione del debito delle piccole imprese al di sotto delle soglie di accesso alle procedure concorsuali.
Per provare ad accelerare i tempi del processo civile, resuscita una norma che era stata proposta senza però essere mai attuata dall'allora ministro della Giustizia Angelino Alfano: viene infatti introdotto nel Codice civile un nuovo articolo, il 257 ter, che ammette l'assunzione della prova testimoniale da parte del cancelliere. La remunerazione del cancelliere è anticipata dalla parte che ha chiesto la prova e determinata in base alle «vacazioni». Ogni vacazione dura un'ora e la prima è pagata 75 euro mentre ciascuna delle successive costerà 50.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il progetto di fusione tra Fiat-Chrysler (Fca) e Peugeot-Citroën (Psa) si appresta a superare uno d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Davanti alle piazze infiammate dal rancore e dalla paura, davanti al Paese che non ha capito la ragi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Erogazioni in crescita l’anno prossimo per Compagnia di San Paolo, nonostante lo stop alla distrib...

Oggi sulla stampa