Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Società pubbliche via ai tagli del governo 2.800 su undicimila

Doveva essere la grande rivoluzione per disboscare la giungla delle partecipazioni pubbliche di Comuni, Regioni, Province ed enti locali in genere (Università e aree portuali). Oltre 11mila, secondo un rapporto dell’Istat pubblicato proprio ieri, con un numero di dipendenti che sfiora il milione di unità.
Invece, dal testo definitivo della Legge di Stabilità emerge una riforma solo parziale.
Un primo passo che servirà a ridurre il numero delle società: ne dovrebbero scomparire, entro l’anno prossimo, oltre tremila, se si riuscisse a mettere insieme le 1.500 che l’anno scorso non hanno presentato un bilancio (e quindi non sono attive) e le circa 2mila che hanno un numero di dipendenti inferiori a quello degli amministratori. E’ stata, invece, cancellata la disposizione che prevedeva la chiusura “per legge” delle società partecipate con un fatturato inferiore ai 100mila euro.
La legge di Stabilità, appena licenziata dal Parlamento, è molto categorica anche sui tempi con cui dovranno essere ridotte le società “inutili”: entro la fine di marzo, i vari enti locali proprietari delle quote dovranno predisporre un piano di cancellazioni o di aggregazioni alla Corte dei Conti, che dovrà poi essere attuato entro il 31 dicembre 2015. Il testo parla di un piano di razionalizzazione sulle microsocietà, i doppioni e senza dipendenti nonché di un piano di aggregazioni tra società che erogano servizi (luce, gas, rifiuti, trasporti). Il legislatore ha previsto incentivi per chi venderà le proprie quote a società più grandi che potranno così aumentare le proprie economi di scala: il ricavato potrà essere investito in opere pubbliche anche al di fuori del Patto di stabilità. Lo stesso potrà avvenire nel caso di capitali ricavati dalla quotazione in Borsa delle società.
Sono state, infine, cancellate le sanzioni di legge nei confronti degli amministratori che non provvederanno alla stesura dei piani di razionalizzazione. L’obbligo di legge basterà per dare il via al taglio delle partecipate?
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Nonostante la pandemia tante aziende hanno deciso o subìto il lancio di un’Opa che le porterà a ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Peugeot-Citroën ha annunciato di aver parzialmente rimarginato le ferite della prima parte dell’a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Meno macchine, meno motori termici, e un ritorno al futuro nei modelli. Ecco la ricetta del nuovo am...

Oggi sulla stampa