Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Società “in casa” per gestire gli Npl Ecco la proposta dei bancari Cisl

Una società “fatta in casa” per gestire i crediti deteriorati delle banche e liquidarli senza fretta, cercando di ottenere in compenso il più alto rendimento possibile. È la proposta lanciata dal segretario generale della First Cisl, Giulio Romani, al primo congresso nazionale del sindacato. In tutte le banche in cui è possibile verrebbe così costituita una “società di gestione degli attivi”, che potrebbe contare sulle risorse finanziarie di fondazioni, altre banche e associazioni di impresa ed anche degli stessi dipendenti degli istituti, con un contributo pari al 5% della loro retribuzione. Gli stessi dipendenti potrebbero poi anche lavorare all’interno di queste s.g.a. «I lavoratori hanno già pagato le rettifiche delle banche – spiega Romani – in questo modo danno il loro contributo e in cambio potrebbero ricevere un warrant convertibile in capitale oppure beneficiare del recupero di valore».
Senza pronunciarsi nel merito della proposta, il responsabile vigilanza di Banca d’Italia, Carmelo Barbagallo, ha osservato che «sugli Npl italiani» ci sono i «fondi avvoltoio» che approfittano di prezzi «eccessivamente bassi».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Alla fine, dopo un consiglio sospeso e riaggiornato a ieri pomeriggio, l’offerta vincolante per l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scatta l’operazione-pulizia del Recovery Plan. Dal primo giro di orizzonte del gruppo di lavoro di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni, la stampa è entrata improvvisamente nel mirino di alcuni governi in Europa del...

Oggi sulla stampa