Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Società al test della convenienza

di Angelo Busani

Dalla possibilità che i professionisti avranno, dal 1° gennaio 2012, di organizzare la loro attività sotto una qualsiasi forma societaria (e cioè indifferentemente come società di persone, società di capitali o società cooperative), come previsto dalla legge di stabilità 183/2011, deriva il tema della scelta del tipo sociale più adatto al caso specifico della società professionale. E la risposta, inevitabilmente, discende da una combinazione che occorre effettuare tra le caratteristiche delle diverse forme societarie e le peculiarità che debbono presentare le società professionali.

Tutto il discorso andrebbe poi filtrato attraverso la normativa fiscale applicabile, ma qui diamo per scontato che sia consentito a tutte le società professionali, anche se organizzate nella forma della società "commerciale" (e cioè come snc, sas, srl, spa, sapa e cooperative), di determinare il proprio reddito secondo le regole del reddito di lavoro autonomo e quindi con il principio di cassa: e cioè applicando quanto il fisco ha già detto per le "società tra avvocati", disciplinate come società in nome collettivo, e quindi come società "commerciali", dalla loro legge istitutiva (il Dlgs 96/2001), il cui reddito è stato qualificato come reddito di lavoro autonomo dalla risoluzione n. 118 del 28 maggio 2003 delle Entrate. Non c'è ragione di ritenere che il fisco cambi orientamento sul punto in quanto, se così non fosse, si determinerebbe un'inevitabile concorrenza tra studi associati e società semplici da un lato, e tutte le restanti società, che sarebbero invece costrette a determinare il loro reddito con le regole del reddito d'impresa (si veda anche l'articolo riportato sotto).

La società semplice

La società semplice è quella che presenta la maggiore affinità con gli studi professionali associati: anzi, quando c'è stato da decidere quali fossero le regole applicabili ai rapporti tra professionisti associati che non fossero disciplinati dal contratto di associazione professionale, spesso la decisione dei giudici è stata applicare agli studi associati proprio le regole della società semplice.

La società semplice, rispetto alla società in nome collettivo (che ha una normativa pressochè identica a quella della società semplice), è preferibile per gestire lo scottante tema della responsabilità dei soci in ordine alle obbligazioni che fanno capo alla società (contrattuali ed extracontrattuali). È vero che se un socio di società di persone combina un guaio a un cliente, la società ne risponde, ma ha rivalsa sul socio maldestro: tuttavia se costui e la società sono incapienti (o titolari di un patrimonio che solo in parte copra il valore del debito) la conseguenza è che il creditore può soddisfarsi integralmente sul patrimonio di ciascuno degli altri soci illimitatamente responsabili. Ebbene, l'articolo 2267 del Codice civile riporta la regola per la quale delle obbligazioni sociali della società semplice rispondono, oltre che il patrimonio sociale, anche i soci che hanno agito in nome e per conto della società, personalmente e solidalmente tra loro; e che, salvo patto contrario (portato beninteso a conoscenza dei terzi con mezzi idonei) sono gravati da questa responsabilità anche gli altri soci (cioè quelli che non hanno agito in nome e per conto della società). Questa possibile limitazione di responsabilità non è tuttavia prevista dalla disciplina della snc: l'articolo 2291 del codice civile sancisce infatti la responsabilità illimitata di tutti i soci e afferma che l'eventuale patto contrario ha validità meramente interna, e cioè nei rapporti tra i soci, e quindi non è opponibile ai terzi.

Società in accomandita

Nell'ambito delle società di persone resta poi la società in accomandita semplice, la cui nota caratteristica è di avere una categoria di soci (gli accomandatari) che amministra la società e che risponde illimitatamente delle obbligazioni sociali, e un'altra categoria di soci che non risponde dei debiti della società e che però non può amministrarla.

Le società di capitali

Tra le società di capitali – i cui soci, tranne gli accomandatari della Sapa, non rispondono delle obbligazioni della società – la forma più usata (più flessibile, meno strutturata e quindi meno costosa) è la società a responsabilità limitata. Rispetto alla Spa, la Srl ha il vantaggio di essere organizzata in modo da conferire al singolo socio un ruolo preminente nella gestione, quando invece il socio della Spa partecipa alla vita sociale in pratica solo in occasione dell'assemblea di bilancio. Sono quindi compatibili con la Srl norme statutarie che, ad esempio, introducano un principio unanimistico nella adozione delle decisioni sociali (sia a livello di soci che di organo amministrativo) oppure che attribuiscano particolari diritti al singolo socio, come diritti di veto, o di nomina. La Spa si presenta, quindi, come una forma idonea per gli studi di maggiore entità, nei quali occorre la presenza di organi di controllo e di gestione, vi è la necessità di una robusta dotazione patrimoniale e c'è da gestire un frequente andirivieni dei soci.

C'è, infine, anche la possibilità di scegliere la forma societaria cooperativa, se si intende puntare sul principio basilare della cooperazione e cioè attribuire ai soci un voto ciascuno.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come prevedevano alcuni un mese fa, allo spuntare della lista di Bluebell per il cda di Mediobanca, ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Google entra nel mirino dell’Autorità antitrust italiana che, prima in Europa, ieri ha aperto un ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le imprese e i committenti non saranno lasciati soli. Anche a chiarire la posizione di alcuni player...

Oggi sulla stampa