Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

SocGen chiama un italiano Bini Smaghi alla presidenza

Alla fine, dopo una lunga resistenza, anche Société Générale si è piegata alla nuova normativa europea imposta dall’Unione bancaria e ha separato i ruoli di direttore generale e presidente. E sulla seconda poltrona chiama un italiano, Lorenzo Bini Smaghi, 58 anni, attualmente presidente non esecutivo di Snam, membro del consiglio di Morgan Stanley e amministratore indipendente della stessa Société Générale dalla primavera 2014. Uno straniero diventa presidente, per la prima volta in 150 anni di storia della banca. 
Soprattutto, Bini Smaghi è stato membro del board della Banca centrale europea dal 2005 al 2011, quando fu costretto a lasciare il posto a un francese in cambio dell’appoggio dell’allora presidente Sarkozy alla nomina di Draghi alla guida della Bce.
La scelta di Société Générale sembra premiare la grande esperienza dell’italiano nelle istituzioni europee a Bruxelles e Francoforte, in primo luogo nella Banca centrale, nel momento in cui con l’Unione bancaria molte funzioni di controllo passano a livello europeo.
Se la seconda banca francese (dietro Bnp Paribas) ha scelto un europeo – perfettamente francofono – non connazionale, è forse anche perché la sua visione potrebbe rivelarsi utile nel caso in cui le banche del continente attraversassero una fase di consolidamento. Intanto, Bini Smaghi dovrà aiutare il direttore generale a risolvere due nodi fondamentali: la debole crescita della banca in Francia e la sua forte esposizione – attraverso Rosbank – in Russia, il mercato in grave crisi e colpito dalle sanzioni dell’Occidente.
A seguito della direttiva CRD IV del 2014, Bruxelles chiedeva da tempo a Société Générale di dividere i due ruoli di presidente e direttore generale con compiti più esecutivi. La banca francese ha sempre cercato di ritardare il momento di mettersi in regola soprattutto per attaccamento e riconoscenza al suo «presidente direttore generale» Frédéric Oudéa, che nel 2008 divenne direttore generale e nel 2009 presidente, riuscendo a salvare la banca dalla tempesta perfetta della crisi finanziaria e della zona euro, combinata con le perdite colossali provocate dal trader Jérôme Kerviel.
La banca ha dichiarato in passato che la reattività di Oudéa, unico dirigente con pieni poteri, era stata decisiva per la salvezza e il risanamento dell’istituto. Oudéa lascia a Bini Smaghi la carica di presidente, ma conserva quella a cui forse teneva di più, direttore generale con compiti operativi. «La nuova governance permetterà a Société Générale di perseguire nella continuità la messa in atto della sua strategia e della sua trasformazione», si legge nel comunicato dell’istituto di credito.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa