Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Snam, l’utile netto sale dell’11%

Risultati molto positivi per Snam nel 1°trimestre 2019 chiuso con un utile netto in crescita tendenziale dell’11,4%, a 283 milioni di euro e ricavi in aumento del 3,8% a 654 milioni. L’ebitda è migliorato del 3,8% anno in un anno a 542 milioni, mentre l’ebit è salito del 3,1% a 366 milioni. Nel trimestre sono stati effettuati investimenti tecnici complessivi pari a 166 mln, in crescita del 6,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e concentrati prevalentemente nei settori dello stoccaggio e del trasporto. L’indebitamento finanziario netto di periodo è diminuito a 11,234 mld e si confronta con gli 11,548 mld riportati al termine dello scorso esercizio.Per l’intero esercizio, Snam prevede di sostenere investimenti per circa un miliardo, in gran parte relativi a sostituzioni e manutenzioni. Circa un quarto degli investimenti riguarderà iniziative di sviluppo, tra le quali i collegamenti Nord-Ovest, il servizio locale e dei flussi cross-border e il rafforzamento della rete al Sud.

Inoltre, è stata confermata l’attenzione all’efficienza operativa, attraverso iniziative che consentiranno il mantenimento di un livello di costi sostanzialmente costante in termini reali per il core business.

Per quanto riguarda la struttura finanziaria, rimarrà equilibrata, mentre la gestione dell’azienda continuerà a garantire una remunerazione attrattiva e sostenibile agli azionisti. Il primo trimestre, ha commentato l’a.d., Marco Alverà, «si è chiuso con risultati molto positivi, che danno continuità al percorso di crescita intrapreso da Snam in linea con gli obiettivi del piano industriale al 2022. L’incremento a due cifre dell’utile netto consolidato riflette i migliori risultati operativi e la continua ottimizzazione della struttura finanziaria», ha osservato il top manager, ricordando come gli investimenti in Italia siano aumentati a livello tendenziale di oltre il 6%. «Stiamo rendendo la nostra rete sempre più moderna e sostenibile e, con il progetto Snamtec, sviluppiamo nuovi business e puntiamo sulla trasformazione digitale». In definitiva, ha osservato il capo azienda, «nel primo trimestre abbiamo posto le basi per un altro anno di creazione di valore per tutti i nostri stakeholder e per rafforzare ulteriormente il ruolo di Snam come protagonista della transizione energetica e come azienda sempre più attenta allo sviluppo dei territori e del sistema Paese». Il cda di Snam ha nominato i componenti dei comitati Controllo e rischi e operazioni con parti correlate (Francesco Gori, presidente), Francesca Pace e Antonio Marano); remunerazione (Francesca Pace, presidente), Rita Rolli e Alessandro Tonetti); nomine (Antonio Marano presidente, Laura Cavatorta e Alessandro Tonetti). Inoltre, secondo quanto ha dichiarato il presidente Luca Dal Fabbro, il board ha istituito il Comitato environmental, social & governance con compiti propositivi e consultivi dell’attività consiliare di integrazione delle tematiche Esg nelle strategie di business. Nel Comitato environmental, social & governance ci sono: Laura Cavatorta, presidente, Rita Rolli e Yunpeng He.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Per gli immobili concessi in leasing l'Imu è dovuta dal locatario anche a seguito della risoluzione...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Europa spinge l’acceleratore sulla digitalizzazione della costituzione delle società come ele...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Procedura online per la costituzione di srl in alternativa alla metodologia standard attuale. La dir...

Oggi sulla stampa