Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Snam acquista Ies Biogas

Snam, attraverso la controllata Snam4Mobility, ha acquistato, per circa 4 milioni di euro, il 70% di Ies Biogas, una delle principali aziende italiane nella realizzazione e gestione di impianti per la produzione di biogas e biometano con una quota di mercato superiore al 10%. L’operazione consentirà a Snam di realizzare impianti di biometano, facendo leva sulle competenze manageriali di Ies Biogas, e di favorirne l’utilizzo nel settore dei trasporti.«Questa acquisizione», ha commentato l’a.d. di Snam, Marco Alverà, «è il nostro primo passo nell’energia rinnovabile e conferma la nostra ambizione di essere un leader nella transizione energetica. Il biometano e le altre forme di gas rinnovabile daranno un contributo essenziale alla riduzione di anidride carbonica, in Italia e non solo. Nel nostro paese c’è un grande potenziale per sviluppare una filiera del biometano, a beneficio dell’ambiente, dei consumatori, dell’agricoltura e della mobilità sostenibile. Auto, bus, camion e navi alimentati a biometano garantiranno prestazioni, risparmio e tutela dell’ambiente».

Fondata nel 2008 a Pordenone e con un fatturato 2017 superiore a 20 milioni di euro, Ies Biogas ha realizzato finora oltre 200 impianti sul territorio nazionale, mentre negli ultimi anni la società ha sviluppato progetti anche oltreconfine.

Snam4Mobility è la società attraverso cui Snam sta sviluppando le infrastrutture di rifornimento per motori a gas naturale compresso e gas naturale liquefatto. Il biometano è una fonte di energia rinnovabile derivata dal processo di purificazione del biogas ottenuto dalla valorizzazione di prodotti e sottoprodotti della filiera agricola e agroindustriale e dalla frazione organica dei rifiuti urbani. Il biometano può essere immesso nell’infrastruttura di trasporto del gas naturale. Uno studio commissionato a Ecofys dal consorzio europeo Gas for Climate, che comprende Snam e altre otto fra aziende e associazioni, stima che la produzione e l’utilizzo di biometano e altri gas rinnovabili nelle infrastrutture esistenti consentirebbe all’Europa di centrare gli obiettivi climatici dell’Accordo di Parigi, risparmiando circa 140 miliardi di euro all’anno entro il 2050.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa