Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sky riorganizza e porta il tg a Milano. I sindacati: a Roma 120 esuberi

Via da Roma. Sky Italia ha presentato ieri ai sindacati il piano con cui intende concentrare investimenti e personale nel quartier generale di Milano che diventerà sempre più centro europeo di produzione e sviluppo tecnologico. Obiettivo: trasferire seicento chilometri più a nord il canale all news Sky Tg24 e la maggioranza dei lavoratori della sede di via Salaria: 300 tra impiegati, operatori e giornalisti. Ottanta gli esuberi comunicati dall’azienda nel capoluogo lombardo, 120 quelli quantificati dai rappresentanti dei lavoratori nella capitale dove resterà solo la redazione politica e del Centro Italia (20-25 persone in tutto) in un nuovo studio più centrale.

La volontà dell’azienda – secondo quanto comunicato dal comitato di redazione – sarebbe di chiudere l’operazione entro l’anno per rispondere prontamente ai mutamenti del mercato. L’ingresso di nuovi concorrenti (a cominciare da Amazon e Netflix ), ma anche le manovre di Vivendi su Mediaset hanno accelerato la necessità del piano con cui Sky intende «eliminare attività obsolete e concentrarle geograficamente» ha spiegato l’amministratore del gruppo Andrea Zappia ai dipendenti. Dal 2003 il gruppo ha investito in Italia circa 20 miliardi in contenuti e tecnologie, generando un giro d’affari di oltre 32 miliardi e impiegando 4 mila dipendenti. Gli ultimi dati disponibili evidenziano un quadro di sostanziale tenuta di Sky Italia con un fatturato di 2,78 miliardi e abbonati a quota 4.760.000 (entrambi in lieve crescita). L’azienda ha investito nella sede di Milano Santa Giulia, «polo all’avanguardia a livello internazionale su cui – ha detto ancora Andrea Zappia – abbiamo deciso di puntare anche per i prossimi anni». La decisione di abbandonare Roma, quindi, era nell’aria come il trasferimento di SkyTg24 che ha bisogno di «un’ulteriore incisiva ripartenza». «Non è più sostenibile la presenza a Roma nelle dimensioni attuali» ha concluso il manager che avrebbe escluso l’apertura dello stato di crisi e ha annunciato di voler avviare «da subito un aperto e trasparente dialogo con le organizzazioni e rappresentanze sindacali per garantire, ove possibile, il miglior risultato per i lavoratori in termini di continuità occupazionale e opportunità di ricollocazione professionale».

Cgil, Cisl e Uil incontreranno i dipendenti nei prossimi giorni, mentre i cronisti di Sky Tg 24 si riuniranno oggi pomeriggio in assemblea. «Sky rappresenta il 15% dei ricavi del settore. Il ministero dello Sviluppo chieda chiarimenti ai vertici» ha detto il deputato Pd Michele Anzaldi.

Carlotta De Leo

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Intervista ad Alessandro Vandelli. L'uscita dopo 37 anni nel gruppo. I rapporti con gli azionisti Un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I gestori si stanno riorganizzando in funzione di una advisory evoluta che copra tutte le problemati...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa