Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Siti web, minimal per vendere

Siti web minimalisti come i prodotti di culto, siano questi iPhone o mobili di stile scandinavo. Ma con un cuore estremamente sofisticato, in grado di capire che l’utente sta navigando dal pc di casa oppure dal telefonino o ancora dal tablet e di adattarsi di conseguenza. E ancora capaci di far trovare la strada dell’acquisto sempre, sia che l’utente voglia farlo online, sia che si trovi meglio nel mondo tradizionale.

Sono queste, secondo alcuni dei maggiori esperti del settore sentiti da ItaliaOggi, le tendenze che governano il design dei siti di e-commerce oggi. Che però a volte emergono anche grazie alla loro originalità.

Un obbligo: adattarsi a tablet e telefonini

Due punti sono a mio avviso importanti oggi per il design dei siti di e-commerce. Nel momento in cui il brand ha anche una distribuzione fisica, innanzitutto, ci deve essere la massima integrazione tra il sito e i negozi fisici. Secondo una nostra ricerca, quei brand che hanno una doppia distribuzione ottengono sì il 70% degli acquisti dai negozi fisici, ma se c’è stata una visita al sito, oltre a un possibile acquisto online aumentano le probabilità di un acquisto tradizionale. Possono esserci una serie di accorgimenti: compra e ritira in negozio oppure prenota e compra in negozio, offrendo anche vantaggi.

Il secondo grande punto è la fruibilità da tutti i device: molto spesso il mobile serve per farsi una prima idea, poi l’acquisto avviene da un device più grande o ancora una volta in negozio.

Direi che non esiste più l’e-commerce in quanto tale, esiste la vendita multicanale.

Lineari e semplici, così si colpisce oggi

Oggi si deve puntare a un design minimalista: Ikea ha portato in tutto il mondo il concetto di arredamento minimalista e così ha fatto Apple con il suo Mac e i suoi iPhone. Molti brand mostrano chiaramente come i trend nel design in questo momento virino ad un gusto minimale e questa tendenza globale è certamente valida anche per i negozi online.

Il menu deve essere intuitivo e il testo deve essere sostituito sempre più dalle icone: i negozi online dovrebbero ignorare gli elementi che possono rappresentare un peso per l’aspetto della pagina e complicare l’esperienza dell’utente. Nella stessa ottica, bisogna fare attenzione a non usare troppi elementi che distraggano il cliente dal proprio prodotto. Ad esempio, inserire troppe informazioni riguardo la società che non sono così legate all’acquisto.

Rendere interessante la propria homepage: anche l’occhio vuole la sua parte! Sono le immagini dei prodotti che richiamano l’attenzione di chi acquista.

Da non dimenticare inoltre l’integrazione con i social network e che è in corso la rivoluzione del mobile commerce.

Il sito che scelgo come esempio? Buru Buru, un sito di artigianato made in Italy molto ben realizzato.

Raccontare storie senza dimenticare l’acquisto

L’arma vincente è sicuramente riuscire a prendere due piccioni con una fava, cercando di costruire da una parte un’esperienza di prodotto significativa e dall’altra la semplicità di trovare il prodotto in ogni momento l’utente voglia raggiungerlo, a casa o in mobilità.

Razionalità ed emotività non sono mai un facile mix, ma l’utente oggi richiede un’esperienza di brand e, soprattutto, di prodotto seamless che ci obbliga a raccontare storie per valorizzare sia prodotto sia brand senza dover perdere efficacia nell’esperienza d’acquisto.

Questo significa che la sfida si gioca nel definire percorsi di navigazione chiari, diminuire la complessità d’interazione arricchendo il prodotto con immagini, video, contenuti editoriali ad hoc. Sullo store online di Liu Jo, per esempio, abbiamo lavorato per costruire un’esperienza di shopping online con un buon equilibrio tra queste due anime. Per Diesel, invece, costruiamo racconti verticali sui prodotti, più sbilanciati sull’esperienza di brand che puntano allo store online.

Foto per la moda, recensioni per l’elettronica

Dal punto di vista del design ciò che fa la differenza è la pulizia, l’essenzialità degli elementi, ogni parte del sito deve avere la sua funzione e deve essere in armonia con l’interfaccia. Si va per sottrazione e le immagini diventano sempre più importanti. È anche il settore di ecommerce che fa la differenza: per il sito di un retail di elettronica come Marcopolo Expert, un nostro cliente, è importante dare spazio alle recensioni, ottimizzare i percorsi di navigazione, avere sempre a portata di mano più possibilità di acquisto. Per Ralph Lauren è molto più importante avere fotografie a tutto schermo in un sito a scrolling infinito, o quasi.

Sono un sostenitore del grid design, linee rette, spazi squadrati, e del flat design per cui colori pieni, icone minimaliste. L’anno del mobile, una frase che sento dire dalla notte dei tempi, pare stia arrivando per cui i siti di e-commerce devono funzionare anche da mobile.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa