Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Si tratta sui tagli alle licenze

di Valentina Melis

Passa per il taglio di certificati e licenze una serie cospicua di semplificazioni entrata in vigore con il Dl 5/2012 (pubblicato sulla «Gazzetta ufficiale» 33 del 9 febbraio).
È abolita, per esempio, la licenza per la vendita di bevande alcoliche nei circoli privati (articolo 13). Per vendere cibi e bevande in occasione di sagre, manifestazioni religiose, tradizionali o culturali, basterà una segnalazione certificata di inizio attività (Scia) senza dichiarazioni asseverate da tecnici abilitati, e non sarà neanche necessario avere i requisiti professionali e morali previsti dal Dlgs 59/2010 (lo prevede l'articolo 41 del Dl sulle semplificazioni). Due interventi, questi, che stanno suscitando perplessità fra le associazioni di categoria dei commercianti, preoccupate – come spiega un tecnico – «che anche una persona condannata in passato per frode alimentare possa improvvisarsi "barista" in sagre o fiere». Le stesse associazioni di categoria sottolineano che l'eliminazione della licenza per i circoli privati, avvenuta con una modifica al Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, potrebbe far cadere anche il divieto, per gli stessi circoli, di esporre luci e insegne sulle strade, con il rischio di una concorrenza "sleale" nei confronti di bar e ristoranti.
Un'altra licenza abolita dal Dl semplificazioni, è quella del questore per le agenzie di recupero crediti.
Recepisce un indirizzo già consolidato in base alle indicazioni del Dipartimento per la Funzione pubblica l'alleggerimento della Scia (previsto dall'articolo 12 del decreto): la segnalazione di inizio attività dovrà essere corredata da attestazioni e asseverazioni di tecnici abilitati solo se questa condizione è esplicitamente prevista dalla normativa.
Semplificazione, sul fronte certificati, anche per le persone con disabilità: il referto della commissione medica Asl sarà titolo sufficiente per chiedere il rilascio del contrassegno invalidi e le agevolazioni fiscali sui veicoli, senza che altri uffici dell'amministrazione debbano prendere atto di questo "via libera" (articolo 4).
La nuova dichiarazione unica di conformità degli impianti termici (prevista all'articolo 9 del Dl) non andrà trasmessa all'amministrazione, ma andrà conservata ed esibita solo su richiesta, per eventuali controlli. Una semplificazione che sta suscitando i timori degli impiantisti, preoccupati, in seguito a questa innovazione, di un possibile "allentamento" del ritmo dei controlli. Questa e altre misure potrebbero essere coinvolte dagli emendamenti al decreto legge, che dovranno essere presentati alle commissioni Affari costituzionali e Attività produttive della Camera, entro questo venerdì.
Eliminato anche l'obbligo della certificazione annuale sui gas di combustione di auto e moto, il «bollino blu»: il controllo sarà effettuato solo con la revisione periodica del mezzo (articolo 11).
Per le piccole e medie imprese, una semplificazione dovrebbe arrivare dall'autorizzazione unica ambientale prevista dall'articolo 23, che sostituirà ogni comunicazione, notifica e autorizzazione in materia ambientale (pur restando ferme le procedure dell'Aia, l'autorizzazione integrata ambientale). Per tradurre in pratica questa novità, serve comunque un regolamento, da emanare entro agosto.
La certificazione del cambio di residenza, poi, cambierà velocità: dovrà avvenire entro due giorni dalla richiesta (la nuova procedura parte dal 10 maggio). Stop alla carta, infine per la verbalizzazione degli esami universitari, che sarà solo informatica.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non chiamatela più utility locale. Il gruppo A2a cerca il salto di categoria: da società dei servi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo la crisi, scatta la "riscrittura" del Recovery Plan da parte del Parlamento. Il documento di 16...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

A2A lancia il piano industriale al 2030 per riposizionare l’azienda, «passando dal mezzo al fine,...

Oggi sulla stampa