Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sì di Atene all’austerity, su le Borse

di Luigi Offeddu

BRUXELLES — Finisce a sera, con una nuvola di gas lacrimogeni che copre il cielo sul centro di Atene. E un’altra, di fumo nero, che si leva da un ufficio all’interno del ministero delle Finanze, al quale i dimostranti hanno appiccato il fuoco. Una bolgia. Ma sotto quel fumo, ecco la notizia che fa sospirare di sollievo le Borse di tutto il continente: a 4 giorni dall’ultimatum fissato dall’Unione Europea, il Parlamento greco ha approvato con 155 sì e 138 no il piano di austerità del governo Papandreou che prevede tagli per 28,4 miliardi di euro più nuove entrate per 50 miliardi dalle privatizzazioni, e che spiana la strada alla prossima «tranche» del prestito concesso da Ue e Fondo monetario internazionale; cioè a quei sospirati 12 miliardi che serviranno a pagare stipendi e pensioni di luglio. Manca un ultimo passo: il secondo voto, oggi, sulle singole misure di applicazione del piano; poi, se tutto sarà confermato, domenica arriverà la luce verde finale da Bruxelles. Giunta sull’orlo del burrone, del «default» o della bancarotta, la classe politica nazionale ha dunque trovato la forza o la freddezza per fermarsi nonostante le proteste di piazza. Che hanno assunto, a tratti, i contorni di una vera rivolta: decine di feriti, qualche colpo d’arma da fuoco, il tentativo ripetuto di impedire ai deputati di entrare nel Parlamento per il voto; e i tonfi dei candelotti che risuonavano fin dentro l’Aula. Alla fine, ha prevalso comunque la politica. E da tutte le cancellerie europee, è stato un coro di plauso. «Stiamo scherzando con il fuoco» , aveva detto l’altro ieri Jean-Claude Juncker, presidente dell’Eurogruppo che riunisce i ministri finanziari dell’Eurozona: e si riferiva naturalmente al rischio del contagio finanziario, che avrebbe potuto— o potrebbe — colpire le banche francesi o tedesche più esposte in Grecia; ma «felice e sollevato» , si dice ora, di fronte alla decisione di Atene. Quel voto è «una splendida notizia e un atto eccezionalmente coraggioso» , ha commentato la cancelliera tedesca Angela Merkel, il cui Paese è il massimo creditore della Grecia; mentre Josè Manuel Barroso, presidente della Commissione Europea, e il presidente stabile della Ue Herman van Rompuy, hanno parlato di «un importante passo avanti verso la salvezza» , ma anche di «un importante passo indietro dallo scenario gravissimo di default» . Le Borse europee hanno cavalcato subito l’onda del sollievo generale, con aumenti di due punti percentuali su piazze come Milano o Madrid. L’euro è salito a 1,44 dollari. Il contagio è fermato, forse.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa