Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Settimana «barbe finte» Mmckinsey, chi sale

Digitalizzazione dei dati, algoritmi predittivi e intelligenza artificiale hanno stravolto il mondo dell’intelligence tradizionale. Adesso, poi, per le «barbe finte» di casa nostra c’è anche la rivoluzione dell’arrivo di Elisabetta Belloni a capo del Dis. Di cui certamente si parlerà all’I-Week, la sei giorni di dibattiti che inizierà oggi dedicata a intelligence, geopolitica e dintorni, organizzata da V&A la società di consulenza fondata da Andrea Vento, con l’Associazione Culturale Corte Sconta e il supporto tecnico di Dune. Su Zoom si alterneranno policy e decision makers, tra cui Teresa Bellanova, Alessandra Todde, Enrico Borghi, Marco Minniti, Emanuele Fiano, Raffaele Volpi e Adolfo Urso (chissà se parleranno anche del passaggio di testimone al Copasir). Dal mondo delle imprese Gregorio Dal Pozzo ed Emanuele Marcianò (Dune), Alberto Dell’Acqua (Italgas), Marco Gay (Presidente Anitec-Assinform). Scrittori, giornalisti, analisti e studiosi tra cui Mario Caligiuri, Ottavia Casagrande, Giacomo Pacini ed Eric Salerno, animeranno le sezioni di approfondimento dell’universo storico, immaginifico e suggestivo dello spionaggio e del controspionaggio.

Artom a teatro da Casamonti

Riprendono (in sicurezza) i Cenacoli di Arturo Artom. L’imprenditore torinese insieme al finanziere filantropo Francesco Micheli e al regista Davide Livermore parleranno di teatro. A teatro. Il primo Cenacolo post-pandemia si trasferisce infatti a Firenze da Marco Casamonti , l’architetto (autore delle cantine Antinori) che ha acquisito il Teatro Nazionale a due passi da piazza della Signoria, il quale racconterà di come vuole trasformare questo gioiello del ‘700, ora cinema in disuso, in una fucina di innovazione culturale multidisciplinare.

58 partner-consulenti

Salgono a 58 i partner dell’ufficio del Mediterraneo di McKinsey & Company guidato dal managing partner Massimo Giordano. Quattro sono diventati senior partner e si tratta di Alessio Botta, specializzato nel digitale, Cristina Catania per i servizi finanziari, Piero Gancia per le assicurazioni) e Alfredo Vaghi per le operations. Due invece, Gemma D’Auria e Antonio Volpin, sono senior partner di rientro in Italia dopo una lunga carriera internazionale all’interno di McKinsey.

Monti lancia il Sud del fare

È un tentativo concreto di mobilitazione per promuovere le eccellenze del Sud. Una think tank in cui Riccardo M onti ha riunito imprenditori e manager con l’obiettivo di stimolare il dibattito attorno a proposte credibili per rilanciare il Mezzogiorno. L’Associazione “Sud Perché no, il Mezzogiorno del Fare”, dal titolo del libro scritto da Monti, ex presidente dell’Ice e adesso a capo del gruppo di ecommerce Triboo, presenterà oggi il suo manifesto alla Riviera di Chiaia con amici e promotori, tra cui l’amministratore delegato di Mcc, Bernardo Mattarella, l’ex presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, i Cavalieri del Lavoro Pina Amarelli, Imma Simioli e Paolo Scudieri, l’inventore dell’Università Pegaso, Danilo Iervolino, il presidente di Svimez, Adriano Giannola, il fondatore di Tecno, Giovanni Lombardi e il direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Paolo Giulierini.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ita, la nuova compagnia aerea a controllo pubblico, si chiamerà Alitalia, come la vecchia. Lo stor...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Strada spianata per la fusione Sia-Nexi, che ora avverrà «nei più brevi tempi possibili», scriv...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Entra anche il reddito di cittadinanza nel decreto fiscale collegato alla manovra all’esame oggi ...

Oggi sulla stampa