Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Settimana «barbe finte» Mmckinsey, chi sale

Digitalizzazione dei dati, algoritmi predittivi e intelligenza artificiale hanno stravolto il mondo dell’intelligence tradizionale. Adesso, poi, per le «barbe finte» di casa nostra c’è anche la rivoluzione dell’arrivo di Elisabetta Belloni a capo del Dis. Di cui certamente si parlerà all’I-Week, la sei giorni di dibattiti che inizierà oggi dedicata a intelligence, geopolitica e dintorni, organizzata da V&A la società di consulenza fondata da Andrea Vento, con l’Associazione Culturale Corte Sconta e il supporto tecnico di Dune. Su Zoom si alterneranno policy e decision makers, tra cui Teresa Bellanova, Alessandra Todde, Enrico Borghi, Marco Minniti, Emanuele Fiano, Raffaele Volpi e Adolfo Urso (chissà se parleranno anche del passaggio di testimone al Copasir). Dal mondo delle imprese Gregorio Dal Pozzo ed Emanuele Marcianò (Dune), Alberto Dell’Acqua (Italgas), Marco Gay (Presidente Anitec-Assinform). Scrittori, giornalisti, analisti e studiosi tra cui Mario Caligiuri, Ottavia Casagrande, Giacomo Pacini ed Eric Salerno, animeranno le sezioni di approfondimento dell’universo storico, immaginifico e suggestivo dello spionaggio e del controspionaggio.

Artom a teatro da Casamonti

Riprendono (in sicurezza) i Cenacoli di Arturo Artom. L’imprenditore torinese insieme al finanziere filantropo Francesco Micheli e al regista Davide Livermore parleranno di teatro. A teatro. Il primo Cenacolo post-pandemia si trasferisce infatti a Firenze da Marco Casamonti , l’architetto (autore delle cantine Antinori) che ha acquisito il Teatro Nazionale a due passi da piazza della Signoria, il quale racconterà di come vuole trasformare questo gioiello del ‘700, ora cinema in disuso, in una fucina di innovazione culturale multidisciplinare.

58 partner-consulenti

Salgono a 58 i partner dell’ufficio del Mediterraneo di McKinsey & Company guidato dal managing partner Massimo Giordano. Quattro sono diventati senior partner e si tratta di Alessio Botta, specializzato nel digitale, Cristina Catania per i servizi finanziari, Piero Gancia per le assicurazioni) e Alfredo Vaghi per le operations. Due invece, Gemma D’Auria e Antonio Volpin, sono senior partner di rientro in Italia dopo una lunga carriera internazionale all’interno di McKinsey.

Monti lancia il Sud del fare

È un tentativo concreto di mobilitazione per promuovere le eccellenze del Sud. Una think tank in cui Riccardo M onti ha riunito imprenditori e manager con l’obiettivo di stimolare il dibattito attorno a proposte credibili per rilanciare il Mezzogiorno. L’Associazione “Sud Perché no, il Mezzogiorno del Fare”, dal titolo del libro scritto da Monti, ex presidente dell’Ice e adesso a capo del gruppo di ecommerce Triboo, presenterà oggi il suo manifesto alla Riviera di Chiaia con amici e promotori, tra cui l’amministratore delegato di Mcc, Bernardo Mattarella, l’ex presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, i Cavalieri del Lavoro Pina Amarelli, Imma Simioli e Paolo Scudieri, l’inventore dell’Università Pegaso, Danilo Iervolino, il presidente di Svimez, Adriano Giannola, il fondatore di Tecno, Giovanni Lombardi e il direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Paolo Giulierini.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Investimenti nel biometano e metano sintetico. Ma anche nell’idrogeno verde. Con una particolare ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una superlinea con una capacità produttiva fino a 400 mila vetture all’anno e quattro nuovi mode...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Stappa lo champagne Ursula von der Leyen che tiene a battesimo la prima emissione degli eurobond de...

Oggi sulla stampa