Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sette piattaforme per la giustizia: la babele online dei processi

Sette processi telematici, ognuno con regole e sistemi diversi. Una babele che gli avvocati chiedono di superare, realizzando una piattaforma unica. Negli ultimi anni hanno dovuto infatti familiarizzare con le differenti modalità tecniche create per depositare gli atti di fronte ai vari organi giurisdizionali: software “imbustatori”, set di moduli Pdf da inviare via Pec, portali su cui caricare gli atti e i documenti.

Il tema si è affacciato anche in Parlamento: il parere con cui la settimana scorsa la commissione Giustizia della Camera ha approvato (con osservazioni) la proposta del Piano nazionale di ripresa e resilienza, suggerisce infatti di usare le risorse del Recovery fund proprio per prevedere un’unica piattaforma di gestione dei processi telematici.

Sfruttare la leva finanziaria del Recovery è intenzione anche del ministero della Giustizia, che prevede però tempi lunghi mentre gli avvocati chiedono di accelerare.

Ma i problemi, oltre che dalla moltiplicazione dei sistemi, derivano dal loro funzionamento zoppicante. Come sta accadendo al portale del deposito degli atti penali contro cui proprio oggi parte la protesta dei penalisti che si asterranno dalle udienze fino a mercoledì.

Perché tanti processi telematici

Le differenze tra i processi digitali sono figlie, in parte, del debutto in tempi diversi ma anche del fatto che fanno capo ad amministrazioni differenti. Lo scaglionamento temporale ha determinato l’utilizzo di tecnologie anche molto diverse l’una dall’altra: il più datato, il processo civile telematico, sperimentato dal ministero della Giustizia fin dal 2006 e divenuto obbligatorio dal 2014, si basa su un meccanismo complesso pensato, all’epoca, per creare un “canale sicuro” per il deposito degli atti. I processi più recenti (il penale, il tributario e quello sportivo, appena partito) funzionano, invece, con una tecnologia più avanzata, tramite caricamento (upload) degli atti e dei documenti sui rispettivi portali. Poi ci sono il processo amministrativo telematico, basato su moduli Pdf da inviare via Pec, e il rito di fronte alla Corte dei conti (si vedano le schede).

Le prospettive e i tempi

Il ministero della Giustizia, pur ribadendo, come spiegano dalla direzione generale dei servizi informativi automatizzati, che «la differenza di strutture tecnologiche non è un pregiudizio per gli utenti» poiché possono utilizzare «software che unificano le modalità di gestione», punta a «interventi strutturali che nei prossimi anni agevoleranno l’omogeneizzazione dei sistemi e la loro integrazione nel grande Hub della pubblica amministrazione». Inoltre, intende estendere ai processi telematici che gestisce direttamente – il civile in tribunale e corte d’appello, il penale nelle procure e quello civile e tributario in Cassazione, in partenza – l’architettura scelta per il deposito degli atti penali, basata sull’upload senza la mediazione del gestore della Pec.

«Uniformare i sistemi sarebbe importante – dice Giovanna Ollà, consigliere nazionale del Cnf – prendendo a parametro quello che funziona meglio, ma deve avvenire con sistemi funzionanti e prevedere una fase sperimentale. E va esteso il processo telematico al giudice di pace».

L’upload è la soluzione promossa anche da Aiga, che pensa «a una piattaforma comune a tutti i riti telematici, con regole e specifiche tecniche uniformi e la possibilità di evitare la firma digitale degli atti, grazie all’autenticazione forte, ad esempio con Spid», spiega il presidente, Antonio De Angelis. Aiga presenterà a breve una bozza di proposta di legge delega con le norme base per la piattaforma unica di processo telematico.

Intorno all’obiettivo della piattaforma unica per i processi digitali si è anche radunato un gruppo spontaneo di avvocati, sollecitati dallo sfogo social di Giovanni Mameli, che ha denunciato i costi e le inefficienze della moltiplicazione dei sistemi: «Nel concepire i processi telematici – spiega – siamo rimasti schiavi delle complicazioni cartacee e questo sta generando altro contenzioso. In Estonia, invece, funziona un sistema unico che gestisce tutti i processi».

Il nodo del penale

Il portale penale dal 29 ottobre 2020 rappresenta l’unica modalità di deposito degli atti difensivi presso le Procure. Ma gli avvocati penalisti stanno riscontrando malfunzionamenti e criticità, tanto da chiedere di riconsentire il deposito cartaceo, oltre a quello telematico, fino a quando i problemi non saranno risolti. «In presenza di continui guasti e inconvenienti tecnici, non poter utilizzare i sistemi tradizionali lede i diritti di difesa dei cittadini», dice il presidente dell’Unione camere penali, Gian Domenico Caiazza. Alcune Procure hanno già autorizzato i depositi cartacei, ma i penalisti chiedono un intervento legislativo perché si tratta di iniziative a macchia di leopardo che non garantiscono la validità degli atti.

Il ministero della Giustizia ha assicurato che risolverà il problema in tempi veloci. «Abbiamo incontrato la ministra Cartabia – continua Caiazza – e riscontrato la volontà di dare una risposta. Sono fiducioso e confido in un intervento urgente».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vogliono trasformare Wall Street nella loro foresta di Sherwood. E per mantenere la promessa di rub...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il cloud sovrano dove migrare i dati informatici della Pubblica amministrazione sarà gestito solo ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Se fosse ancora necessario, nelle prossime settimane dal palazzo più importante della giustizia it...

Oggi sulla stampa