Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Serie A, accordo Sky-Mediaset

Il rischio di un blocco del contratto tv per il triennio 2015/18 (e dei relativi introiti), con estenuanti battaglie legali tra Sky e Mediaset, e quello di un annullamento del bando sono stati scongiurati. La Lega calcio ha approvato in serata, dopo una lunga riunione, un piano di assegnazione dei pacchetti «alternativo» a quello emerso all’apertura delle buste tre settimane fa e frutto, a quanto pare, di un accordo tra gli stessi operatori televisivi che alla vigilia dell’assemblea si erano sfidati a colpi di diffide e controdiffide. Al voto hanno partecipato 23 club (22 sì e un astenuto, la Fiorentina), inclusi neopromossi e retrocessi dell’ultima stagione.
In sostanza, a Sky vanno tutte le partite dei campionati di Serie A dalla stagione 2015/16 a quella 2017/18 per la piattaforma satellitare per un prezzo totale di 572 milioni (formalmente il pacchetto “D” con le 12 squadre minori va a Mediaset che poi lo cederà a Sky). La somma versata dalla tv del network di Rupert Murdoch è di poco superiore a quanto versato finora per poter trasmettere tutte i match del massimo campionato di calcio tricolore, e comprende i cosiddetti diritti accessori, relativi alle interviste e alle immagini degli spogliatoi pre-partita, e quelli per il “3d” e “super hd”. Sky avrà in definitiva 132 partite in più rispetto a Mediaset che ha commentato «I principi cardine della concorrenza sono stati ristabiliti» e ha accettato di sborsare 373 milioni, circa 100 milioni in più rispetto al passato contratto per assicurarsi le gare di andata e ritorno (in totale 248) delle migliori otto squadre per il digitale terrestre (la prossima stagione, l’ultima del vecchio accordo, l’emittente di Cologno Monzese pagherà 277 milioni per le immagini dei 12 migliori club). Il costo del pacchetto per il digitale terrestre è aumentato in quanto ne è stato elevato il contenuto. Anzitutto, a differenza della prima versione, nel “paniere” finiranno tutte e cinque le squadre con il più ampio seguito (e non solo 4 su 5): questo significa che gli abbonati Mediaset potranno vedere tutte le gare di Juventus, Milan, Inter, Napoli e Roma (di fatto l’80% dell’audience potenziale del calcio nazionale). Inoltre, nel pacchetto B sono stati inseriti “dirette gol” e highlights.
Dunque, Mediaset e Sky continueranno a utilizzare le piattaforme su cui operano tradizionalmente (digitale e satellite) e la Lega incasserà 945 milioni a stagione, circa 130 milioni in meno rispetto alle soluzioni prospettate fino a ieri che prevedevano un’assegnazione “incrociata” per massimizzare i profitti (opzione che piaceva soprattutto ai piccoli club).
Il budget triennale su cui potranno contare le società di Serie A arriva così a 2,8 miliardi. Ed è destinato a crescere, perchè dovranno essere venduti ancora altri pacchetti, come quello relativo a Coppa Italia e Supercoppa (che vale circa 25 milioni) e quello per i programmi in chiaro (20/25 milioni). Senza dimenticare il pacchetto “E” del bando, relativo alla trasmissione di tre gare in diretta attraverso Internet e le tecnologie “mobile” andato deserto. Anche se il piatto forte per incrementare i soldi a disposizione della Serie A è rappresentato dai diritti internazionali dai quali finora si ricavano circa 120 milioni all’anno. Introiti che si asprirerebbe quanto meno a raddoppiare (nonostante la perdita di appeal del torneo italiano rispetto agli altri principali campionati europei). In questo modo, si potrebbe accumulare per il triennio 2015/18 un bottino di circa 1,2 miliardi a stagione, con un aumento di circa il 20% rispetto al miliardo garantito dal precedente accordo.
Viene raggiunto e superato perciò il tetto dei 980 milioni di media a stagione fissato come garanzia di risultato per i primi tre anni dall’advisor Infront lo scorso dicembre. Anzi, dovrebbe scattare il rinnovo automatico del mandato per Infront in vista del triennio 2018/2021 per il quale era stata posta come condizione quella del raggiungimento di incassi pari a un miliardo e 40 milioni annui nel triennio 2015/18.
Dall’intesa raggiunta ieri non fa parte, in ogni caso, la Champions League 2015-18 che Mediaset si è aggiudicata pochi mesi fa con una mega offerta da 690 milioni. Dalla stagione 2015/16, invece, Sky ha acquisito i diritti di trasmissione dell’Europa league.
Resta da capire, infine, se le autorità vigilanti (Agcom e Antitrust) non avranno da muovere rilievi e se eventuali terzi soggetti che hanno partecipato alla gara – Eurosport ha depositato un’offerta da 140 milioni per l’originario pacchetto “D” con le 12 squadre estromesse dai pacchetti principali (ma inclusa la Roma) – accetteranno la scelta della Lega di andare oltre il quadro dei risultati dell’asta.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa