Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sentenze a favore del contribuente, Ok del Consiglio di stato

Verso l’operatività della norma che stabilisce l’esecutività delle sentenze di condanna al pagamento di somme in favore del contribuente. Il Consiglio di stato ha infatti approvato nell’adunanza del 17 novembre scorso lo schema di decreto del ministero dell’economia e delle finanze recante il regolamento di attuazione dell’art. 69, comma 2 dlgs 546/1992 sulla garanzia per l’esecuzione delle sentenze di condanna a favore del contribuente.

L’art. 69 del dlgs 546/1992, nella versione in essere fino al 31/5/2015, disponeva che «Se la commissione condanna l’ufficio del Ministero delle finanze o l’ente locale o il concessionario del servizio di riscossione al pagamento di somme, comprese le spese di giudizio liquidate e la relativa sentenza è passata in giudicato, la segreteria ne rilascia copia spedita in forma esecutiva ». Con la revisione del contenzioso tributario, operata con il dlgs 156/2015, il legislatore ha riscritto l’art. 69 prevedendo l’esecutività delle sentenze di condanna a favore del contribuente. Tuttavia per tener conto del rischio che, una volta ottenuto il pagamento di una somma a titolo di rimborso – in virtù di una sentenza esecutiva ma impugnata dall’Amministrazione – non sia più possibile il recupero delle somme erogate in caso di successiva riforma della sentenza, il legislatore ha previsto che il rimborso di somme di ammontare superiore a 10 mila euro, diverso dalle spese di lite, può essere subordinato dal giudice alla presentazione di idonea garanzia. Al riguardo la disciplina del contenuto, della durata e del termine di tale garanzia è stata rinviata ad apposito decreto ministeriale. Nello stesso decreto di revisione del processo tributario, è stato previsto che la norma in tema di esecutività delle sentenze a favore del contribuente, pur entrando in vigore il 1° giugno 2016, non è applicabile (restando quindi in essere ai fini applicativi la precedente versione dell’art. 69) fino all’approvazione del decreto ministeriale recante la disciplina della garanzia ivi prevista. La garanzia prevista dal novellato art. 69 è inoltre richiamata dalle norme in tema di sospensione dell’atto e della sentenza impugnata nonché dall’art. 22, comma 6 dlgs 472/1997.

Lo scorso 17 novembre il Consiglio di stato ha espresso parere favorevole, con osservazioni, alla bozza di decreto presentata dal ministro dell’economia e delle finanze. La bozza è composta da tre articoli. L’art. 1 è composto da quattro commi di cui i primi tre individuano il contenuto della garanzia mentre il quarto dispone che i modelli di garanzia siano approvati con decreto ministeriale. L’art. 2 è anch’esso composto da quattro commi e disciplina la durata della garanzia nelle diverse ipotesi previste dalla legge. In particolare, con riferimento alla garanzia prevista dall’art. 69 è disposto che questa deve essere prestata fino al termine del nono mese successivo a quello di passaggio in giudicato del provvedimento che definisce il giudizio ovvero fino al termine del nono mese successivo a quello di estinzione del processo. L’art. 3 è composto da cinque commi e disciplina le modalità e i termini per l’escussione della garanzia distinguendo le diverse ipotesi in cui la legge ne prevede la presentazione. Per quanto riguarda l’escussione della garanzia prestata per il rimborso di somme derivanti da sentenze favorevoli al contribuente è previsto che decorso il periodo di tre mesi, stabilito dall’art. 69, comma 2, per la restituzione delle somme garantite da parte del contribuente, l’ente a favore del quale è prestata la garanzia comunica al garante, entro la fine del sesto mese successivo alla scadenza dei tre mesi, l’ammontare delle somme dovute e quest’ultimo entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione deve effettuare il pagamento delle somme richieste.

Claudia Marinozzi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa