Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Semplificazioni future

Non sono applicabili alle cause già in corso le norme contenute nel dl sulle semplificazioni fiscali, entrate in vigore l’anno scorso, che regolano le competenze degli uffici doganali. Deve infatti essere esclusa la loro retroattività. È noto, ricorda la Cassazione con la sentenza n. 5167 del 1 marzo 2013 che lo Statuto del contribuente limita, nell’ambito della legislazione tributaria, i caso di retroattività delle norme che dovrebbe essere, tranne rare eccezioni, esplicitamente prevista dal legislatore. Ad avviso dei giudici con l’ermellino, chiamati a pronunciarsi sulle competenze degli uffici doganali, riorganizzate dal decreto semplificazioni, deve essere esclusa l’applicabilità della normativa sopravvenuta, di cui alla legge 44/2012 alla fattispecie in esame, verificatasi ben prima della sua entrata in vigore. Infatti, la disposizione contenuta nell’articolo 9, comma 3-decies del dl 16/12, convertito nella legge 44/12, si limita a stabilire – aggiungendo un ulteriore comma all’articolo 11, comma 9 del dlgs 374/90 – che «l’ufficio doganale che effettua le verifiche generali o parziali con accesso presso l’operatore è competente alla revisione delle dichiarazioni doganali oggetto del controllo anche se accertate presso un altro ufficio doganale». L’articolo 14 del dl 16/12 stabilisce che il provvedimento normativo in questione «entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana», senza dunque operare alcun riferimento ad una possibile retroattività delle disposizioni. Né può ritenersi – contrariamente a quanto sostenuto dall’Avvocatura dello Stato – che la retroattività debba discendere dalla pretesa natura di norma d’interpretazione autentica dell’articolo 11, comma 9, dlgs 374/90, che la disposizione di cui all’articolo 9, comma 3-decies dl 16/12 rivestirebbe, per la tecnica legislativa adoperata dal legislatore (integrazione della norma) e per la finalità di risolvere, in via definitiva, una questione dibattuta: lo Statuto limita a casi eccezionali l’emanazione di norme di interpretazione autentica.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai tempi delle grandi manifestazioni contro la stretta cinese, le file degli studenti di Hong Kong a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’ingresso nel tempio della finanza tradizionale pompa benzina nel motore del Bitcoin. Lo sbarco s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Internet super-veloce e la fibra ottica sono un diritto fondamentale, costituzionale, che va ass...

Oggi sulla stampa