Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Segnalazione» ampia al giudice

Segnalazione diretta all’autorità giudiziaria, da parte di Entrate e Inps, ma anche da parte dell’organo di controllo societario, dei segnali della crisi d’impresa; estensione dell’obbligo di sindaco unico; esclusione da responsabilità penale per bancarotta per l’imprenditore che fa emergere le difficoltà aziendali.
Sono questi i contenuti principali degli emendamenti approvati ieri in commissione Giustizia alla Camera alla legge delega sulla riforma della Legge fallimentare. Interventi sui quali, soprattutto per la parte dedicata alle procedure di allerta, già trapela la forte insoddisfazione di Confindustria che potrebbe prendere le distanze da un provvedimento del quale sinora aveva in larga parte condiviso obiettivi e contenuti.
Nel dettaglio,si mette a carico degli organi di controllo societari e del revisore legale l’obbligo di avvisare immediatamente gli amministratori della società dell’esistenza di fondati indizi della crisi e, in caso di omessa o inadeguata risposta, di informare direttamente non più l’organismo di composizione della crisi quanto piuttosto il presidente della sezione specializzata in materia d’impresa del tribunale del luogo dove ha sede l’imprenditore.
Di più. Approvato il vincolo per creditori pubblici qualificati, tra cui in particolare l’agenzia delle Entrate, gli enti previdenziali e gli agenti della riscossione delle imposte, a rischio di inefficacia dei privilegi accordati ai crediti di cui sono titolari o per i quali procedono, di segnalare immediatamente agli organi di controllo della società e, in ogni caso, al presidente della sezione specializzata in materia di impresa del tribunale competente, il persistere di inadempimenti di importo rilevante.
Quanto all’estensione dei casi in cui è obbligatoria la nomina dell’organo di controllo, anche monocratico, o del revisore, da parte della Srl, si introduce il vincolo quando la società per due esercizi consecutivi ha superato almeno uno di questi limiti:
totale dell’attivo dello stato patrimoniale: 2.000.000 euro;
ricavi delle vendite e delle prestazioni: 2.000.000 euro;
dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 10 unità.
Nell’emendamento approvato ieri si prevede anche che se la Srl, in tutti i casi in cui è obbligata per legge, non nomina l’organo di controllo o il revisore, sarà il tribunale a provvedere alla nomina, oltre che su richiesta di ogni interessato, anche su segnalazione del Conservatore del registro delle imprese; infine si prevede che l’obbligo di nomina dell’organo di controllo o del revisore cessa, per la società a responsabilità limitata, quando per tre esercizi consecutivi non viene superato uno dei limiti previsti.
In generale si prevedono la possibilità di fare debuttare misure premiali, sia di natura patrimoniale sia in termini di responsabilità personale, a favore dell’imprenditore che ha tempestivamente proposto istanza all’organo di composizione della crisi, che ha tempestivamente chiesto l’omologazione di un accordo di ristrutturazione, o proposto un concordato preventivo o proposto ricorso per l’apertura della procedura di liquidazione giudiziale. Tra le misure di favore andrà introdotta la causa di non punibilità per il delitto di bancarotta semplice e per gli altri reati previsti dalla legge fallimentare, quando hanno provocato un danno patrimoniale di speciale tenuità, un’attenuante a effetto speciale per gli altri reati e una congrua riduzione di interessi e sanzioni collegati ai debiti fiscali dell’impresa, fino alla conclusione della medesima procedura.

Giovanni Negri

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’assemblea della Popolare di Sondrio, convocata l’11 maggio, avrà per la prima volta in 150 an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo mesi di battaglia legale e mediatica, Veolia e Suez annunciano di aver raggiunto un accordo per...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La sfida all’ultimo chip tra Stati Uniti e Cina sta creando un «nuovo ordine mondiale dei semicon...

Oggi sulla stampa