Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Se crolla l’euro, crolla l’Europa»

di Beda Romano

All'indomani dell'ottava sconfitta consecutiva a livello regionale, il cancelliere Angela Merkel ha voluto ieri rassicurare sulla solidità del suo Governo, nonostante l'incredibile debolezza del partner liberale. Il momento è delicatissimo: tra meno di dieci giorni il Bundestag dovrà votare sul nuovo fondo di stabilità europeo Efsf, criticato ancora una volta ieri dalla Bundesbank.

«Continueremo il nostro lavoro al Governo e non credo sia diventato più difficile», ha detto la signora Merkel in una conferenza stampa organizzata ieri dopo il voto a Berlino. Il partito socialdemocratico ha vinto le elezioni che gli permetteranno di continuare a governare nella città-stato, probabilmente con i Verdi. Il partito democristiano del cancelliere ha guadagnato terreno; malissimo invece è andato l'Fdp.

Il partito liberale, che governa con la Cdu-Csu a livello federale, ha riscosso appena l'1,8% dei suffragi, meno del movimento neonazista Npd (2,1%) o dei Pirati (8,9%). Debolissimo anche nei sondaggi nazionali, l'Fdp sta inanellando sconfitte nei voti regionali. Dal 2009, otto regioni tedesche hanno rinnovato il loro parlamento locale; in cinque casi, il partito non è riuscito a superare lo sbarramento del 5 per cento.

È difficile dire se l'insuccesso liberale sia dovuto alle critiche del partito contro i salvataggi sovrani. Di solito nei voti regionali giocano elementi locali. Eppure, è possibile che il dibattito nazionale abbia influenzato gli elettori. «La coalizione è al lavoro – ha rassicurato la signora Merkel – Abbiamo molti obiettivi sul tavolo e tutti i partner della coalizione sanno quale è il loro compito e lo perseguiranno con grande diligenza».

La verità però è che la debolezza del partito liberale sta mettendo in crisi il Governo. Da giorni ormai il cancelliere è costretto a fare i conti con l'Fdp, che sta giocando la carta dell'euroscetticismo – parlando dell'ipotesi di un fallimento della Grecia in crisi finanziaria – per tentare disperatamente di rafforzare la sua immagine. Ancora ieri, la signora Merkel ha esortato tutti «a pesare con attenzione le proprie parole».

«Superare la crisi dell'euro è una missione storica. Se l'euro crolla, anche l'Unione Europea crollerà», ha avvertito il cancelliere. La Süddeutsche Zeitung riferiva ieri mattina che questa interpretazione è criticata dal presidente dei cristiano-sociali bavaresi Horst Seehofer. Il giornale notava le aspre differenze nel Governo tedesco, tanto che la stampa tedesca si interroga sulla tenuta del Governo.

C'è chi specula su un cambio di maggioranza o su elezioni anticipate. In questo momento sono due soluzioni che non appaiono d'attualità. In Germania in ogni caso il sistema costituzionale preferisce il voto di sfiducia costruttivo, con l'arrivo di un nuovo cancelliere eletto dal Bundestag, all'interruzione della legislatura con un ritorno anticipato alle urne. Chiarezza farà il voto del 29 settembre.

In quel giorno, la Camera bassa voterà sul nuovo Efsf. Proprio ieri davanti a una comissione parlamentare il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann, è tornato a criticare la scelta di attribuire al fondo gli acquisti di titoli pubblici: questa scelta «rappresenta un nuovo passo nella direzione di una responsabilità comune e di una minore sanzione dei mercati, senza per contropartita un controllo sulle politiche nazionali».

Certo, la presa di posizione di Weidmann non aiuterà la maggioranza democristiana-liberale a ricompattarsi. L'incertezza tedesca sta pesando sull'andamento dei mercati e rallentando il processo decisionale in Europa. Ieri il cancelliere si è detto certo che la maggioranza sarà all'appuntamento tra dieci giorni. Se così non fosse, le conseguenze si farebbero sentire ben oltre le frontiere tedesche.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa