Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Scommessa vinta. Adesso tutti contro Apple

di Maria Teresa Cometto

Tutti gli occhi sono puntati sull’evento di Apple a San Francisco in programma giovedì prossimo, 3 marzo. Fan e rivali di Steve Jobs si aspettano il lancio del nuovo iPad e si chiedono: quanto sarà più sottile, più bello e con ancora più funzioni (come la videocamera)? A presentarlo sarà il ceo o il suo braccio destro Tim Cook? E quanto costerà? Che anno sarà «Venite a vedere che anno sarà il 2011…» , si legge sull’invito mandato da Apple ai giornalisti: l’allusione è al rapporto appena pubblicato dagli analisti della banca d’affari americana Morgan Stanley (Ms), in cui il 2001 è dichiarato «l’anno del tablet» . Il mercato sta infatti per essere invaso da una lunga fila di concorrenti del computer-tavoletta di Apple e con il debutto la settimana scorsa negli Usa dello Xoom di Motorola — il primo con il nuovo sistema operativo Honeycom disegnato apposta da Google per questo strumento — è stata ufficialmente aperta la «guerra dei tablet» . A sfidarsi sul nuovo terreno sono innanzitutto Apple e Google, in una edizione allargata della concorrenza già in atto fra l’iPhone e i telefonini intelligenti Android. Ma sono attesi con interesse anche due concorrenti con un sistema alternativo: il BlackBerry PlayBook di Research in motion e il TouchPad di Hp. Vincitori saranno i consumatori, che si ritroveranno con l’imbarazzo della scelta fra i molti diversi modelli e dovrebbero riuscire fra qualche mese a dotarsi di un tablet meno caro dell’attuale iPad (che costa un minimo di 499 dollari ovvero 363 euro più tasse negli Usa o 499 euro in Italia) e dello Xoom (800 dollari o 581 euro negli Usa). Invece dal punto di vista delle aziende impegnate in questo business il rischio di un flop, in un mercato così sovraffollato, è alto. Margini di crescita Le potenzialità per il business in sé sono enormi, secondo Morgan Stanley, che ha condotto una ricerca fra oltre 8 mila consumatori e 50 responsabili tecnologici (chief information officer ) in tutto il mondo. Dopo il grande successo dell’iPad nel 2010 — 15 milioni di apparecchi venduti dal suo debutto del 3 aprile — nel 2011 le vendite di tablet dovrebbero raggiungere 55 milioni di esemplari, di cui 30 milioni ancora per l’iPad; e decollare a 100 milioni nel 2012. La crescita del tasso di penetrazione dei tablet dovrebbe essere la più veloce nella storia di tutti gli strumenti di comunicazione mobile, compresi gli smartphone : secondo lo scenario ottimista di Ms, entro il 2014 il 25%dei consumatori ne possiederà uno, il che significherebbe 441 milioni di tablet venduti in cinque anni; l’ipotesi prudente lo vede invece adottato dal 16%dei potenziali clienti (300 milioni di pezzi venduti). È un boom di popolarità spiegabile con le nuove abitudini degli utenti mobili di Internet, ma anche con la scelta delle aziende di integrare i tablet nell’ambiente di lavoro: secondo Ms la percentuale di imprese che li comprano per i propri dipendenti fra un anno salirà al 51%dall’attuale 21%; a cui si aggiungerà il 16%(oggi è l’ 8%) che permette ai dipendenti l’uso dei tab l e t a l l ’ i n t e r n o d e l network aziendale. Ruoli diversi «È l’esempio più eclatante di consumerizzazione dell’ information technology — ha spiegato a CorrierEconomia Alessandro Piol, esperto di telecom e partner della società di venture capital Vedanta a New York —. Vent’anni fa i prodotti che arrivavano ai consumatori, dal pc al software , erano stati inizialmente creati per le imprese. Ora succede il contrario. Basti pensare al fenomeno su I n t e r n e t d e l s o c i a l networking , con applicazioni professionali come LinkedIn. Adesso molte reti di venditori hanno adottato l’iPad, integrandolo nel network aziendale, perché è più facile e veloce da accendere di un laptop , più bello per fare presentazioni e inoltre ha abbastanza protezioni di sicurezza, a differenza di precedenti prodotti di Apple. Il tutto è sorprendente, se si pensa che finora Apple non ha avuto una forza vendita ad hoc per clienti aziendali» . Ma sembra che ora la stia creando, come ha lasciato intendere Cook a un incontro con o suoi azionisti la settimana scorsa, proprio sull’onda della crescente domanda delle imprese e probabilmente per anticipare il BlackBerry PlayBook, il concorrente più temibile su questo terreno grazie al radicamento di Rim nelle aziende.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa