Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sanzioni più pesanti per le frodi

Per la dichiarazione infedele la multa varia da 250 euro al 270% dell’imposta dovuta
Sanzioni maggiorate per le dichiarazioni fraudolente: si potrà andare dal 135% al 270 per cento. Penalità abbattute per chi sana, invece, l’omissione del modello entro la scadenza di trasmissione dell’anno successivo. Sono due delle novità del Dlgs approvato venerdì scorso in prima lettura dal Consiglio dei ministri nella parte relativa alle sanzioni amministrative. Più in generale, le modifiche puntano a premiare la rimozione spontanea delle violazioni prima dell’inizio dei controlli e a colpire più duramente le violazioni che derivano da condotte fraudolente. Così dal prossimo anno le sanzioni potranno essere differenziate e meno pesanti rispetto a quelle attuali. Questo porrà il tema dell’applicabilità del favor rei per le violazioni commesse prima del 1° gennaio 2016: principio che, alla luce della lettera dell’articolo 31, comma 1, dello schema di decreto, non è chiaro se si potrà applicare. Inoltre occorrerà considerare gli effetti della riforma sul costo del ravvedimento spontaneo del contribuente che, essendo tarato sulla sanzione minima, cambierà misura.
La dichiarazione infedele
Nel caso di dichiarazione infedele oggi la sanzione va dal 100 al 200% dell’imposta dovuta o della differenza di credito utilizzato. Dal 2016 lo scenario cambia, differenziandosi in quattro casi.
Per le violazioni ordinarie la misura della sanzione oscilla ora dal 100% al 200% ed è destinata a scendere dal 90 al 180% dell’imposta dovuta.
Quando, invece, l’infedeltà della dichiarazione deriva da condotte fraudolente la sanzione può essere aumentata della metà (dal 135% al 270%). L’aggravante intende punire le condotte particolarmente insidiose e si correla al fatto che, per effetto delle modifiche previste dallo schema di Dlgs, si mette mano – anche in questo caso con un giro di vite – alla rilevanza penale delle condotte dichiarative fraudolente.
Le sanzioni sono poi ridotte a 1/3 (dal 30 al 60%) se l’infedeltà è di scarso profilo. Inoltre, c’è una linea di maggior favore (sempre nelle situazioni che non riguardano condotte dichiarative fraudolente) che consente di evitare i reati tributari. Si manifesta nei casi in cui:
l’imposta accertata è inferiore al 3% di quella dichiarata e comunque non supera 30mila euro;
la violazione deriva dall’errore temporale di imputazione di componenti positivi e negativi (competenza economica).
In quest’ultimo caso, per beneficiare dell’abbattimento delle sanzioni, occorre che il componente positivo abbia concorso alla determinazione del reddito nell’annualità in cui interviene l’accertamento o in una precedente e che l’eventuale componente negativo non sia stato dedotto due volte.
Se non c’è danno erariale (quando l’anticipazione o la posticipazione dell’elemento reddituale non ha prodotto alcun vantaggio per il contribuente), l’errore di competenza è sanzionato in misura fissa di 250 euro.
La dichiarazione omessa
Attualmente in caso di omessa presentazione della dichiarazione da cui risultano imposte dovute, la sanzione va dal 120% al 240% dell’imposta con un minimo di 258 euro. Dal 2016 lo schema di Dlgs prevede che se la dichiarazione viene presentata entro il termine per quella dell’anno successivo e comunque prima dell’inizio di un controllo fiscale, la sanzione andrà dal 60% al 120% dell’imposta dovuta con un minimo di 200 euro, con una riduzione del 50% rispetto alla misura base. Scaduto il termine della presentazione della dichiarazione dell’anno successivo le sanzioni torneranno quelle ordinarie. Se dalla dichiarazione omessa non risultano imposte dovute, oggi si applica la sanzione fissa da 258 a 1.032 euro (2.065 per l’Iva) che dal 2016 scenderà da 250 a mille euro (2mila per l’Iva). Viene però previsto che se la dichiarazione omessa viene spontaneamente presentata entro il termine per quella dell’anno successivo, la sanzione scende da 150 a 500 euro (mille euro per l’Iva).
Anche dal 2016 la dichiarazione presentata oltre i 90 giorni successivi al termine ordinario (la cosiddetta «tardiva») si considererà omessa. Quindi, ipotizzando la scadenza del 30 settembre 2016 per Unico 2016, la presentazione nei 90 giorni (29 dicembre 2016) consentirà di accedere al ravvedimento (articolo 13, comma 1, lettera c), del Dlgs 472/1997) e di considerare la dichiarazione validamente presentata.
Se la dichiarazione è presentata dopo il 29 dicembre 2016 ed entro il 30 settembre 2017, la sanzione sarà pari al 60% dell’imposta dovuta o, nell’ipotesi in cui non siano dovute imposte, nell’importo fisso (il più delle volte il minimo di 150 euro).

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa