Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sanzioni disciplinari per gli impreparati

Il legale che assume la difesa nella causa ma non ha la necessaria preparazione, al punto da articolare domande generiche e prove inammissibili è soggetto a sanzione disciplinare. A questa responsabilità si aggiunge quella civile per il danno all’assistito. Così hanno stabilito le sezioni unite civili della Cassazione con la sentenza 25633/16, pubblicata il 14 dicembre. La Corte specifica che nel procedimento disciplinare non è necessaria una contestazione degli addebiti minuziosa, ma è sufficiente che l’incolpato, con la lettura dell’imputazione, possa difendersi in maniera efficace.Il caso riguarda lavoratrice che si rivolge al professionista per agire in giudizio contro il datore. Il legale tuttavia non è diligente nè prima nè durante la stesura del ricorso. La descrizione dei fatti negli atti introduttivi del giudizio è confusa e priva di sostanza giuridica. Ma soprattutto il ricorso contiene errori di diritto ingiustificabili: si chiede ad esempio la reintegra della lavoratrice all’azienda che ha meno di quindici dipendenti. Per questi motivi scatta la sanzione disciplinare. La Corte sottolinea che all’avvocato sono state contestata varie violazioni del codice deontologico forense. In particolare la violazione dei doveri di diligenza, di competenza, nonchè di adempiere il mandato correttamente.

Mario Pellegrino

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un balzo in avanti. In parte previsto, ma che comunque apre una prospettiva diversa rispetto al pess...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Decontribuzione dal 50 al 100% per i lavoratori che usciranno dalla cassa integrazione del settore t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dica la verità, senatrice Bongiorno, ma la Lega vuole davvero i fondi del Recovery che sono legati ...

Oggi sulla stampa