Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Samsung: il Corriere racconta l’Italia Digitale

 

«Si può cambiare tutto, escluso la moglie e i figli», disse una ventina d’anni fa Lee Kun-hee, presidente di Samsung. Il momento di mettere in pratica quel pensiero, per il gruppo coreano primo produttore mondiale di smartphone è arrivato in modo drammatico. Nel 2014, all’età di 72 anni, il presidente Lee è stato messo fuori gioco da un infarto e questa estate una batteria difettosa che poteva prendere fuoco ha costretto gli ingegneri sudcoreani a richiamare 2,5 milioni di esemplari della loro ultima creatura, il Galaxy Note 7 appena lanciato a tempi forzati sul mercato per anticipare il rivale iPhone 7 di Apple.

La storiaNel mezzo di una crisi che potrebbe costare fino a 5 miliardi di dollari tra sostituzione dei Note 7 e mancati profitti, il 12 settembre è arrivato il primo cambiamento: Lee Jae-yong, figlio del presidente malato, è stato chiamato nel consiglio d’amministrazione di Samsung Electronics. Lee Jae-yong, 48 anni, laureato a Harvard (dall’esperienza americana si fa chiamare anche Jay Y.), è in azienda dal 2001 ma era rimasto co-vicepresidente anche dopo il 2014 perché la cultura confuciana della pietà filiale seguita in Corea non prevede la successione finché il padre è in vita, anche se come nel caso di Lee senior non è più fisicamente in grado di guidare un business da oltre 300 miliardi di fatturato l’anno (un quinto del Pil della Corea del Sud).

«L’ accelerazione di Jay Y. in consiglio d’amministrazione prova che Samsung ha bisogno di una leadership forte in una fase di rischio e dà un segnale ai mercati in questa direzione», spiega Park Ju Gun, capo della società di ricerca CeoScore di Seul. Samsung ha annunciato che Lee Jae-yong sarà particolarmente coinvolto nelle decisioni strategiche come fusioni e acquisizioni. E qualcosa di strategico in queste settimane si è visto.

Samsung per noi è sinonimo di smartphone, con la sua quota mondiale di mercato al 22,3% nel secondo trimestre del 2016 (42,4% in Italia); questi gadget, uniti ad altri componenti elettronici ad alta tecnologia rappresentano i due terzi del fatturato del gruppo, ma Samsung è anche un «chaebol»: la parola coreana identifica i giganteschi gruppi a conduzione familiare che hanno guidato l’ascesa industriale della Corea del Sud. Samsung spazia dalle lavatrici alle petroliere, dai televisori alle navi portacontainer. C’è anche una Samsung Everland, specializzata in resort di vacanze e zoo e una Samsung Life Insurance, che fornisce polizze d’assicurazione, magari anche contro il rischio di essere aggredito da uno dei leoni di Samsung Everland. Tutte queste attività sommate portano a quasi 500 mila dipendenti in una ottantina di società sorelle.

Le decisioniL’azienda delle Tre Stelle (questo significa Samsung in coreano) ha deciso di fare un po’ di pulizia nella sua galassia: Samsung Electronics ha venduto in rapida successione la divisione stampanti a HP per 1,05 miliardi di dollari; poi metà della sua partecipazione in ASML per 675 milioni di dollari e le quote azionarie di Seagate Technology, Sharp e Rambus che sommate dovrebbero aver fruttato almeno altri 456 milioni di dollari secondo la valutazione di Reuters. Il cash servirebbe a far fronte al costo del richiamo del Galaxy Note 7 e a concentrarsi sul core business. Ma Jay Y. promette di allargare, non di ridurre gli orizzonti di Samsung. La nuova frontiera può essere la biofarmaceutica. Dopotutto, far crescere proteine in cellule animali, su base industriale e in impianti asettici ad altissimo grado di sicurezza qualitativa, non è poi così diverso dal sistema di produzione usato per i circuiti dei microchip sviluppati su wafer di silicio.

I tecnici di Samsung sono abituati a lavorare in queste condizioni sofisticate e l’azienda può proporsi come grande fornitore di medicine biotecnologiche: è già annunciato lo sbarco in Borsa di Samsung Biologics con una Ipo da 1,8-2.7 miliardi di dollari. Un’altra voce di mercato riguarda l’interesse di Samsung per la Magneti Marelli: più che un’acquisizione potrebbe trattarsi di una joint venture con Fiat Chrysler e tra gli indizi di una possibile collaborazione c’è la circostanza che Lee Jae-yong siede come consigliere indipendente in Exor, la holding della famiglia Agnelli.

Al momento però c’è da difendere il mercato degli smartphone e far uscire il brand senza troppe bruciature dal fallimento delle nuove batterie dei Galaxy Note 7, concepite per durare più a lungo di quelle della Apple e colpevoli invece degli incidenti che hanno portato al ritiro temporaneo.

Per evitare il surriscaldamento, da Seul hanno pensato di ridurre la carica della batteria al 60%, un rimedio che fa poco piacere a chi ha speso oltre 880 dollari per un Note 7 che prometteva di operare nove ore filate. Dicono che per motivare un dipendente di Samsung Electronics, dai dirigenti agli ingegneri alle tute blu, basti agitare il drappo della competizione con gli americani di Apple. Questa volta la fretta avrebbe portato a quello che il capo di Samsung mobile, Koh Dong-jin, ha descritto come «un piccolo errore nel processo produttivo delle batterie che ha provocato il contatto degli elettrodi negativi con quelli positivi».

Ma oltre a sanare il difetto di produzione, che sarà superato e dimenticato com’è stato in passato per grandi case automobilistiche costrette a richiamare milioni di veicoli, Samsung deve ripensare alla sfida per dominare il mercato degli smartphone. Secondo gli analisti invece di fare la corsa su Apple, i coreani devono preoccuparsi di Huawei, Lenovo, Xiaomi, Oppo, i marchi cinesi che riescono a tenere i loro prezzi molto più bassi di quelli dei due giganti rivali. Meno hardware e più software.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai due estremi ci sono Generali e Unicredit: promossa a pieni voti la prima (almeno dagli investitor...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pace con Vivendi in Piazza Affari vale 35 milioni di capitalizzazione. Dopo una fiammata in avvio...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

er la prima volta da molti anni un rialzo dei tassi d’interesse si affaccia negli scenari della po...

Oggi sulla stampa