Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Salini-Impregilo, l’anno è partito bene

L’anno è iniziato bene per Salini Impregilo. A dare un’anticipazione sui numeri 2015 del colosso italiano delle costruzioni (35mila dipendente, 4 miliardi di ricavi e quasi 20 miliardi di portafoglio ordini), è stato lo stesso patron Pietro Salini, ieri a Roma durante una Lectio tenuta all’Università La Sapienza. Da gennaio a marzo,per il gruppo nato a inizio del 2014 dalla fusione tra l’azienda familiare Salini e la allora «public company» Impregilo, i conti «stanno andando bene», anche se, si è subito affrettato a preciare Salini, un solo trimestre è poco significativo per il gruppo. Quello delle costruzioni è un business molto scollegato dal ciclo economico che, «un mestiere stabile con poche fluttuazioni, che va visto su un periodo più ampio» perchè contano i lavori in portafoglio più che gli incassi o l’andamento di un periodo limitato.
Dopo la scalata a Impregilo che l’ha portato a essere il più grosso contractor italiano, e un big di dimenzioni europee, Salini vorrebbe diventare ancora più grande. Ma il traguardo non è così fattibile perché «oggi è più difficile trovare un altro da comprare, in Italia non ce ne sono più» ha chiosato il presidente e amministratore delegato. L’unico candidato papabile potrebbe essere il numero due Astaldi, anch’esso romano e anni fa dato come promesso sposo proprio di Impregilo. Ma la famiglia di Paolo Astaldi non sembra intenzionata a eventuali matrimoni.
Altro tema caldo è il Ponte sullo Stretto, grande opera rimasta zoppa. La realizzazione è stata fermata, ha commentato Salini, a causa delle assurdità contenute nella Via (valutazione impatto ambientale). Salini, citando alcuni passi della Via, in cui si ipotizzava che l’ombra creata dal ponte sul mare avrebbe potuto spaventare i grandi pesci, ha detto che «fermare un’opera di questo tipo perché ci sono dei deficienti che scrivono questa roba è uno scandalo. Vergognamoci». La soluzione ci sarebbe, secondo Salini. Secondo l’imprenditore il ponte «è finanziabile privatamente» con delle ricadute positive: darebbe lavoro a 45mila persone, costerebbe 4,5 miliardi, mentre lo Stato ne metterebbe 1,5 e ne guadagnerebbe altri 4,5. A nominare lo Stato si apre un altro capitolo dolente, quello della spesa pubblica. «Su un budget statale di 825 miliardi – ha concluso Salini – solo il 2% va alle infrastrutture. Lo stanziamento va fatto salire, perché quel 2% è davvero poco, perché con le infrastrutture il paese riparte e si dà impulso anche al turismo».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fumata quasi bianca. Positiva però non ancora abbastanza da far considerare chiusa la partita. Ieri...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La parola che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non voleva più nemmeno ascoltare, "lockd...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nell’ultimo giorno utile per lo scambio dei diritti relativi all’aumento di capitale, il titolo ...

Oggi sulla stampa