Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Saccomanni: sì alle detrazioni Tasi bonus Irpef a famiglie numerose

ROMA — Cuneo fiscale, tassa sulla casa, tassi d’interesse, pubblico impiego. Piovono critiche sulla manovra del governo, appena approdata in Parlamento, e ieri bersagliata dal fuoco di fila delle tre più importanti authority economiche del paese: la Banca d’Italia, l’Istat e la Corte dei Conti. Rilievi che coincidono in larga parte con quelli emersi dal dibattito pubblico negli ultimi giorni e che, già dal vertice Letta-Saccomanni- Alfano di lunedì, hanno portato il governo a mettere le mani avanti e ad annunciare un cambio di rotta.
Per l’operazione cuneo fiscale, come è filtrato da Palazzo Chigi, si prevede di concentrare le detrazioni sui redditi più bassi, mentre sulla Tasi torneranno, a mitigarne l’impatto, detrazioni dai 50 ai 100 euro. Ieri il ministro dell’Economia Saccomanni ha confermato che il governo sta prendendo in considerazione l’ipotesi di cambiare l’architettura della tassa sulla casa: «Non è escluso che si debba tornare alle detrazioni», ha confermato in Senato il titolare di Via Venti Settembre nel corso della rituale audizione sulla legge di Stabilità. Aperture anche sul cuneo: «Siamo disponibili a discutere con il Parlamento l’allocazione delle risorse del cuneo in favore delle famiglie numerose». Naturalmente a saldo zero: «Nessun disavanzo, bisogna dire quali spese ridurre», ha sottolineato il ministro. Tuttavia Saccomanni, in modo implicito, ha giocato altre due carte che possono far pensare a maggiori risorse: ha detto che la rivalutazione delle quote del capitale di Bankitalia varrebbe 5-7 miliardi, in sostanza un miliardo in più di entrate fiscali. Inoltre, con molta prudenza, ha concesso che sulla materia della tassazione delle rendite finanziarie, entrata e poi uscita all’ultimo momento dalla manovra, è «pronto ad una riflessione» (varrebbe almeno 500 milioni di gettito).
Sul capitolo-cuneo fiscale, operazione destinata nelle intenzioni a ristorare il potere d’acquisto dei lavoratori dipendenti, rilievi puntuali da parte del presidente della Corte dei Conti, Raffaele Squitieri, del presidente dell’Istat Antonio Golini e del vicedirettore di Bankitalia, Luigi Signorini. La magistratura contabile ha osservato, accennando a «problemi di equità», che 25 milioni di soggetti sono fuori dall’operazione: pensionati, autonomi e incapienti (coloro che pagano tasse su redditi così modesti da non poter beneficiare delle nuove detrazioni) e solo il 40 per cento dei lavoratori dipendenti (da 8 mila a 55 mila euro di reddito). Bankitalia e Istat hanno fatto inesorabilmente i conti sui benefici del cuneo: per Via Nazionale si tratta di un risparmi di «poco meno di 100 euro» cifra definita «non elevata». L’Istat calcola poco di più: 116 euro. Si va dagli 8 ai 9,6 euro al mese. Bankitalia segnala inoltre che il taglio del cuneo riguarderà principalmente le fasce più alte della platea interessata, dove entra più di un reddito. Unico tratto positivo: l’intervento compenserà l’erosione dell’inflazione sulle buste paga nel 2014 (che sarà, secondo l’Istat, pari a 0,3 punti percentuali).
Picconate anche sulla nuova tassa sulla casa. Per la Corte dei Conti la nuova Tasi, che prende il posto dell’Imu, «crea i presupposti per aumenti»: i Comuni saranno indotti a mettere in atto rincari, fino al tetto massimo, su seconde case e capannoni. La Banca d’Italia entra ancora di più nel merito: senza detrazioni codificate a livello nazionale si creeranno disparità territoriali.
Nel mirino anche l’intervento sugli statali: per la Corte dei conti si tratta di «misure severe, già sperimentate e non replicabili». Bankitalia segnala che potranno provocare una perdita del potere d’acquisto tra il 2010 e il 2014 del 10 per cento. Dubbi, infine, anche sul quadro macro: Via Nazionale segnala la legge di Stabilità incorpora un’attesa di una «ulteriore, significativa riduzione dei tassi» (spread a 200 nel 2014 e a 150 nel 2015) e osserva che è più ottimistica di quella dei mercati. Ieri intanto è diventato legge il decreto che razionalizza la pubblica
amministrazione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa