Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

S.o.s Entrate per la Brexit

Agenzia delle entrate a disposizione dei contribuenti per assisterli sulla Brexit, tanto in caso di uscita con accordo quanto in ipotesi di «no deal». Con un provvedimento firmato ieri dal direttore Antonino Maggiore, presso il settore internazionale è stato istituito il punto di assistenza dedicato «Info Brexit».L’iniziativa risponde alla necessità di garantire supporto a cittadini e imprese «sui possibili effetti della Brexit, con specifico riferimento a fattispecie che riguardano l’applicazione di norme e regolamenti in materia di imposte dirette e indirette di competenza dell’Agenzia», spiega il provvedimento.

Il tema della fuoriuscita del Regno Unito dall’Unione europea è in pieno divenire, con tempistiche e modalità del divorzio tra Londra e Bruxelles non ancora definite, ma i diversi enti dell’amministrazione economica e finanziaria si sono già attrezzati per assistere gli operatori (nelle scorse settimane analoghe iniziative sono state assunte dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli).

Il nuovo punto di assistenza fornirà consulenza in relazione a situazioni puntuali, non in generale. Gli interessati potranno inviare dubbi e domande via e-mail, scrivendo all’indirizzo infobrexit@agenziaentrate.it . Le Entrate forniranno risposta in forma scritta, anche se, precisa il provvedimento, «non si applicano le disposizioni vigenti in materia di interpello del contribuente».

Sarà quindi certamente possibile richiedere chiarimenti su casi concreti e personali in merito all’interpretazione, all’applicazione o alla disapplicazione di norme di legge in materia fiscale, ma le risposte non saranno vincolanti per gli uffici.

Allo stesso modo, il contribuente potrà beneficiare di una forma di contatto semplificata e rapida, senza doversi attenere ai requisiti formali e sostanziali richiesti (a pena di inammissibilità) per la presentazione delle istanze di interpello. I quesiti potranno essere inviati da soggetti residenti e non residenti, pertanto anche da imprese inglesi che operano in Italia pur non avendo sede nel Belpaese.

Valerio Stroppa

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Intervista ad Alessandro Vandelli. L'uscita dopo 37 anni nel gruppo. I rapporti con gli azionisti Un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I gestori si stanno riorganizzando in funzione di una advisory evoluta che copra tutte le problemati...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa