Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ryanair punta su Alitalia

Ryanair ha presentato un’offerta non vincolante per Alitalia. Il vettore irlandese guidato da Michael O’Leary ha sottolineato che, «in qualità di compagnia aerea più grande in Italia, è importante essere coinvolti nel processo (di vendita, ndr)». I termini per l’invio delle offerte non vincolanti sono scaduti venerdì scorso: le proposte arrivate da potenziali investitori interessati all’ex compagnia di bandiera sono una decina.

Dopo avere analizzato le offerte ricevute, i commissari definiranno e sottoporranno all’approvazione del ministero dello sviluppo economico l’indirizzo del programma dell’amministrazione straordinaria e i contenuti del bando di gara.

Le offerte vincolanti dovrebbero arrivare nel mese di ottobre. Il governo auspica una soluzione che consenta di mantenere l’integrità di Alitalia: se questo non fosse possibile, ha detto nei giorni scorsi il ministro dei trasporti Graziano Delrio, si potrebbe valutare una proroga del commissariamento o la partecipazione statale attraverso una piccola quota azionaria.

Intanto Ryanair ha chiuso il primo trimestre dell’esercizio 2017-2018 con l’utile netto in aumento del 55% su base annua a 397 milioni di euro, trainato da prezzi dei biglietti più alti, nonostante che l’eccesso di capacità continuerà a esercitare pressione sulle tariffe. Il risultato è stato superiore alle attese degli analisti. I ricavi sono aumentati del 13% a 1,91 miliardi. Il prezzo medio dei biglietti è salito dell’1%, grazie soprattutto alla performance del periodo pasquale. Per quanto riguarda i passeggeri trasportati, la previsione per fine anno passa da 130 a 131 milioni. Ciononostante la compagnia prevede che il prezzo medio dei biglietti cadrà del 5% nel semestre e dell’8% fra ottobre e marzo.

Anche EasyJet e Wizz Air condividono le previsioni di Ryanair, a causa di un continuo aumento dei posti disponibili. I tre vettori guidano la crescita della capacità in Europa, con ordini per nuovi aerei in arrivo da Boeing e Airbus. Recentemente Ryanair ha esteso il leasing per altri dieci aerei per aumentare la capacità disponibile in vista dell’estate. Il portafoglio ordini è salito a 110 unità.

La compagnia irlandese ha tratto vantaggio dall’indebolimento dei prezzi del petrolio e ne approfitterà per fare sconti sui biglietti per attirare nuovi clienti. Secondo le stime del vettore, l’utile netto annuale dovrebbe attestarsi tra 1,4 e 1,45 miliardi di euro, in aumento dagli 1,24 mld dello scorso esercizio.

Alla borsa di Londra il titolo Ryanair ha perso l’1,38% a 17,85 sterline.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Entra nel vivo la gara per la conquista di Cedacri, società specializzata nel software per le banch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Monte dei Paschi di Siena ha avviato ieri un collocamento rapido di azioni, pari al 2,1% del capi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il giorno dopo il lancio dell’Opa da parte di Crédit Agricole Italia, il Creval valuta le possibi...

Oggi sulla stampa