Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ryanair su Alitalia “Via i fannulloni e noi compriamo”

Via i nullafacenti da Alitalia e la compriamo noi. Come nel suo stile, l’ad di Ryanair Michael O’Leary entra a gamba tesa nella vicenda della nostra ex compagnia di bandiera, ora in amministrazione straordinaria. O’Leary conferma di puntare all’acquisto di Alitalia purché i tre commissari – da maggio alla cloche di comando – decidano «cambiamenti importanti troppo a lungo rimandati».
In altre parole, il numero 1 di Ryanair chiede la testa di centinaia di dipendenti perché «questa compagnia può crescere solo se ristrutturata a dovere. Ora ha 4 o 5 mila persone che non sono tecnici, piloti e neanche membri di equipaggio: anzi, non so proprio che cosa facciano ». Il personale assunto, in altre parole, è «sproporzionato» rispetto al traffico offerto. Gli accordi internazionali con Air France-Klm ed Etihad, penalizzanti, e i contratti di leasing, penalizzanti, sono gli altri punti che meritano un intervento drastico per mano dei commissari.
Lo slogan di Ryanair è “andiamo a comandare”. Gli irlandesi non sono stuzzicati dal semplice acquisto di slot (i permessi di atterraggio e decollo in orari certi) e vogliono quantomeno il 51% del capitale di Alitalia. Sono disponibili a dialogare con il governo («ma come governo e non come partner di gestione ») e non considerano il sindacato come il diavolo, purché smetta di scioperare. L’Alitalia con passaporto irlandese, in mano a Ryanair, non avrebbe più il lungo raggio e taglierebbe molte rotte interne alla Penisola, dove lo compagnie low cost fanno offerte insuperabili. Semmai la nuova compagnia dovrebbe collegare Roma e Milano, a getto continuo, con le altre città europee. O’Leary fa anche capire che, se solo volesse, potrebbe mandare a gambe all’aria Alitalia, ora che è nel suo momento di massima debolezza. Basterebbe spostare subito 20 aerei sul nostro territorio, e poi altri venti. Ryanair rinvia questa invasione dei suoi veivoli con l’arpa sulla coda a una seconda fase, «se il nostro tentativi di acquisto dovesse fallire».
Il ministro dei Trasporti si augura che la nuova proprietà della compagnia non porti con sé tanti dolorosi licenziamenti: «Credo che Alitalia abbia un futuro – dice Graziano Delrio – I commissari valuteranno la proposta più utile per il Paese, i lavoratori e i servizi».
Intanto Alitalia ha aperto la “data room”. Chi è interessato all’acquisto potrà visionare i dati dell’azienda per un mese. I potenziali acquirenti sarebbero 18 (tra cui sembra Lufthansa, Delta Airlines, British Airways, Air France e l’emiratina Etihad). Porte aperte anche a low cost come easyJet e, appunto, Ryanair.

Aldo Fontanarosa

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa