Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Rush finale sulla responsabilità dei giudici

Alla Camera manca soltanto una manciata di votazioni, 30 per l’esattezza, e poi (già stasera o domani) il testo sulla responsabilità civile dei magistrati diventerà a tutti gli effetti legge dello Stato da pubblicare sulla Gazzetta Ufficiale. La nuova disciplina — che modifica la legge Vassalli del 1988 — arriva al capolinea dopo un tormentato iter parlamentare innescato dalla sentenza del 24 dicembre del 2011 con la quale la Corte di giustizia dell’Unione Europea ha condannato l’Italia per violazione degli obblighi di adeguamento dell’ordinamento interno. 
Tra le novità introdotte dalla nuova legge c’è quella che elimina il filtro di ammissibilità per le azioni di rivalsa. Ed è questo il punto che preoccupa maggiormente l’Associazione nazionale magistrati che, pur mantenendo lo «scudo» della responsabilità indiretta (il cittadino cita lo Stato che si rivale sul magistrato), ora teme una valanga di ricorsi capaci di incrinare i pilastri dell’autonomia e dell’indipendenza dei giudici. Un vero ciclone anti giudiziario, quello paventato dall’Anm. Anche perché viene estesa la risarcibilità del danno non patrimoniale anche al di fuori dei casi delle ipotesi di privazione della libertà personale. Insomma, presto il campo delle azioni di rivalsa sarà molto più ampio.
Ma come si è visto al Senato — dove la legge sulla responsabilità civile è stata approvata il 20 novembre scorso con 150 sì, 51 no e 26 astenuti — in Parlamento si è formata una maggioranza trasversale (escluso il M5S e, per motivi opposti, la Lega) disposta ad andare fino in fondo. Perché, come ha ripetuto il ministro della Giustizia Andrea Orlando (Pd), «sulla responsabilità civile bisogna correre perché ce lo chiede l’Europa e poi perché le norme attuali non tutelano il cittadino».
Conti alla mano, si è scoperto che dall’entrata in vigore della Vassalli (1988), su oltre 400 ricorsi per risarcimento proposti da cittadini soltanto 7 si sono conclusi con un provvedimento che ha riconosciuto il risarcimento per dolo o colpa grave da parte dei magistrati.
Quando al governo c’era Berlusconi, il centrodestra tentò di inserire in Costituzione la responsabilità civile dei magistrati (Riforma del Titolo IV della Parte II della Carta) e poi provò a introdurre la «responsabilità diretta» dei magistrati (emendamento Pini alla legge comunitaria del 2010). Quei tentativi vennero respinti con le unghie dal centro sinistra. E anche a settembre del 2014, quando il leghista Candiani presentò il suo emendamento al Senato il governo pose la fiducia pur di bloccare la responsabilità diretta. Poi, il 24 settembre, il governo Renzi ha presentato la sua proposta sulla responsabilità civile e da quel momento il «partito delle toghe», un tempo influente all’interno del Pd, non ha più avuto alleati in Parlamento.
Il testo che stasera (o domani) arriva al voto finale «non è punitivo nei confronti dei magistrati e non lede la loro autonomia», afferma il relatore Danilo Leva (Pd). Ma le novità che preoccupano i magistrati sono molte. A partire dalla limitazione della clausola di salvaguardia prevista dalla vecchia legge Vassalli che ai fini della responsabilità non considera «l’attività di interpretazione di norme di diritto e quelle di valutazione del fatto e delle prove». Ci sono poi la ridefinizione del concetto di colpa grave (che include, appunto, il travisamento del fatto e delle prove) e una più stringente disciplina della rivalsa dello Stato verso il magistrato: il cittadino avrà 3 anni di tempo (e non più 2) per presentare la domanda di risarcimento contro lo Stato. Che, a sua volta, potrà esigere al massimo come rivalsa metà (oggi un terzo) dell’annualità dello stipendio del magistrato.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa