Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Rush finale nella trattativa sui conti

Il nuovo tira e molla fra Roma e Bruxelles sull’aggiustamento da 3,4 miliardi dei nostri conti pubblici chiesto dalla commissione Ue arriva alla stretta finale. Oggi e domani il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan parteciperà ai lavori di Eurogruppo ed Ecofin, ultimo appuntamento ufficiale in cui i saldi di bilancio italiani torneranno in discussione prima della scadenza del 1° febbraio entro la quale il governo dovrà inviare le proprie “controdeduzioni” a Bruxelles. L’obiettivo del governo resta in ogni caso quello di limitare il più possibile l’impatto della nuova richiesta, in modo da evitare il passaggio attraverso una manovra correttiva vera e propria e risolvere la questione attraverso un mini-aggiustamento dei conti da inquadrare nel cantiere del Def: strada percorribile se il confronto si potrà chiudere con un aggiustamento da un decimale di Pil, 1,7 miliardi, ma più impervia se non ci si dovesse spostare dallo 0,2% (3,4 miliardi) scritto nella lettera europea. In ogni caso, comunque, l’intenzione del Governo è quella di non intervenire prima di aprile.
La discussione resta aperta, anche se i segnali preventivi in arrivo dalla commissione non sono dei migliori. Ieri è stata fatta circolare una bozza del documento che dovrebbe chiudere l’Ecofin di domani, e che torna a sollecitare i «Paesi ad alto debito pubblico» a rispettare «la regola per ridurlo». Non è una citazione diretta all’Italia, che però ovviamente rimane tra i primi indiziati quando si parla dell’indebitamento della Pa.
Per il momento dal ministero dell’Economia non arrivano commenti, anche perché le indiscrezioni in genere escono da canali tecnici mentre il lavoro politico può smussare gli angoli, come ricordato nei giorni scorsi dallo stesso commissario Ue agli Affari economici Pierre Moscovici. Dal canto suo, il presidente del consiglio Paolo Gentiloni ha ricordato ieri in Senato che sul versante delle spese per l’emergenza terremoto rimane il parametro dell’«eccezionalità», che sposta le uscite fuori dal saldo strutturale e quindi dai vincoli del Patto europeo. «Le risorse ci sono – ha rimarcato il premier nel suo intervento a Palazzo Madama -: 4 miliardi nella legge di bilancio e altri ci saranno come ho anticipato personalmente al presidente della commissione europea Jean Claude Juncker». Anche tenendo conto di questo fattore, però, secondo i calcoli europei l’obiettivo di bilancio italiano per quest’anno resta troppo lontano dal miglioramento dei saldi strutturali chiesto dalla Ue (0,5% del Pil, cioè 8,5 miliardi circa), ma sulla decisione di intervenire o meno Palazzo Chigi non ha ancora formalizzato la propria ultima parola.
A bocciare senza mezzi termini la richiesta di correzione arrivata da Bruxelles è invece l’ex premier e segretario Pd Matteo Renzi, che ieri ha inaugurato il proprio nuovo blog con un intervento in cui ha trovato il modo di bollare le indicazioni Ue come «letterine ridicole per chiedere assurde correzioni»; mosse che secondo l’ex premier fanno a pugni con le «45mila scosse di terremoto» patite dal Centro Italia.
In attesa delle risposte politiche, i tecnici del governo lavorano a diverse ipotesi, a partire da un intervento su alcune poste di bilancio per recuperare alcune centinaia di milioni senza ricorrere a un decreto correttivo ma con una più semplice manutenzione contabile. Questa opzione potrebbe anche tradursi in un’operazione in due tempi, da avviare in aprile per concluderla con la legge di bilancio 2018.

Marco Rogari
Gianni Trovati

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa