Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Rocca: «Più innovazione per la ripresa»

Produttività. È questa la parola chiave del discorso di Gianfelice Rocca all’assemblea di Assolombarda che si è tenuta ieri tra i padiglioni dell’esposizione universale. Più produttività da «spremere» in azienda. A propiziare il nuovo corso delle relazioni industriali dovrebbe essere un negoziato nazionale che porti a un nuovo assetto degli aspetti normativi sui contratti. Come dire: Confindustria dovrebbe arrivare a fissare nuove regole sulla contrattazione senza aspettare che il governo prenda l’iniziativa e intervenga per legge.
Con un discorso tutto numeri e zero citazioni, Rocca ha sostenuto le tesi della più grande territoriale di Confindustria con i dati sul Clup, il costo del lavoro per unità di prodotto, salito in Italia del 38% tra 2000 e 2014 contro il più 0% della Germania. «Tutti noi sappiamo che il recupero della produttività del Paese è prioritario e passa da nuove relazioni industriali», ha detto Rocca. Sottinteso: relazioni industriali alla tedesca. Ma nel rispetto delle differenze tra i diversi settori. Perché «il costo del lavoro nella chimica pesa per il 7-8% contro il 30% del settore metalmeccanico».
Detto questo, a movimentare il pomeriggio dell’assemblea c’è stato un piccolo giallo. Su un passaggio del discorso di Rocca che figurava nel testo consegnato ai giornalisti ma di cui si è persa traccia in quanto pronunciato sul palco. «Alcuni sindacati “irrealisti” rischiano di diventare nemici dei loro stessi iscritti e dei lavoratori», recitavano le righe che si sono smaterializzate durante il discorso.
Ma all’assemblea di Assolombarda non si è parlato solo di relazioni industriali. Al contrario, il presidente di Assolombarda ha spaziato dalla politica industriale al rapporto pubblico-privato. Ad ascoltarlo in prima fila, insieme con il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, il presidente della Repubblica. Per la prima volta a una assise degli industriali, Sergio Mattarella ha parlato di ripresa dell’Italia. «Milano è, come è sempre stata, una testa di questo percorso, ma bisogna fare squadra perché è indispensabile per il futuro di questo Paese», ha detto il presidente.
Nel parterre anche quattro ministri: Giuliano Poletti, Stefania Giannini, Maurizio Martina (Agricoltura). Oltre al titolare dell’Economia, Pier Carlo Padoan, che ha parlato per 18 minuti dal palco dell’assemblea degli imprenditori di Milano e Monza. Padoan ha esibito davanti agli industriali i punti «pro-azienda» della legge di Stabilità. Dagli 1,7 miliardi di sgravi per le imprese, alla pressione fiscale scesa dal 44,2 al 42,4% alla riduzione dell’Ires dal 27,5 al 24% nel 2017. («Perché questa è una Stabilità che ha un’ottica pluriennale e le misure vanno valutate nel loro insieme»). Nello stesso tempo Padoan ha lanciato un guanto di sfida alle imprese: «A un certo punto il bonus assunzioni finirà, affrettatevi dunque a utilizzarlo».
Il clima tra gli industriali della Grande Milano e il governo è sicuramente buono. Lo ha detto chiaro Gianfelice Rocca: «Il nostro giudizio sull’azione del governo è positivo». Promossa anche la legge di Stabilità. «Con questi vincoli di bilancio non si poteva fare molto di più»
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa